Confcommercio Fano: "Troppi episodi di microcriminalità"

1' di lettura Fano 23/11/2020 - Purtroppo siamo stati facili Cassandre nel prevedere che, come da nostro appello del 22 ottobre scorso, oltre ai negativi risvolti soprattutto economici che derivano dall’aver chiuso di fatto i Centri Storici, si potesse arrivare ad una recrudescenza di tanti episodi di criminalità – realizzati o appena tentati - come quelli registrati nella città di Fano appena ieri.

In un cordiale incontro con il Signor Prefetto che ha fatto seguito al nostro appello, come Confcommercio avevamo illustrato alla massima Autorità del Governo locale, tutte le nostre preoccupazioni di fronte a questo impoverimento di “vita sociale”, di vetrine chiuse, di strade deserte e che sul territorio si traduce poi nell’impossibilità di svolgere quella azione di controllo sulle attività e sulle persone che un commerciante ha sempre fatto.

Nell’ottica di supportare l’impegno delle Forze dell’Ordine in questa azione di controllo come Confcommercio abbiamo anche stipulato una vantaggiosa convenzione con l’Agenzia di Vigilanza VIGILAR affinché gli operatori economici potessero trovare un aiuto concreto a questa problematica.

Fermo restando che ci auguriamo, anche se non ci crediamo troppo, che si tratti solo di spiacevoli sporadici episodi rinnoviamo l’invito a tutti gli operatori economici a non abbassare la guardia in questo difficile momento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2020 alle 16:01 sul giornale del 24 novembre 2020 - 281 letture

In questo articolo si parla di economia, confcommercio fano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bC8s





logoEV