Drone, ecco la prima graduatoria ufficiale nazionale. Ed il merito è della Drone Racing Fano

4' di lettura Fano 26/10/2020 - Questo 2020 resterà alla storia come l’anno del covid-19, del lockdown e della crisi economico finanziaria mondiale. Tuttavia c’è chi si è “rimboccato le maniche” e anche in questi momenti difficili ha saputo dare il meglio di sé, generando un volano di iniziative per una disciplina sportiva, FPV DRONE RACING, che solo in Italia fatica a farsi notare, ma che per diversi aspetti racchiude un grande potenziale sia per lo sport e sia per l’elevato impatto sul territorio in termini di innovazione tecnologica.

L’associazione sportiva dilettantistica DRF dal 2017 è affiliata al CSI, tramite il Comitato di FANO (PU), iscritta nel registro del CONI e coordina un gruppo di organizzazioni sportive, distribuite su tutto il territorio nazionale, con l’obiettivo di far crescere il vivaio amatoriale del FPV DRONE RACING in Italia. Ad inizio 2020, la Direzione nazionale del Centro Sportivo Italiano, ha affidato alla DRF la Presidenza del torneo nazionale della COPPA ITALIA DRF.

Quindi, quest’anno per la prima volta in assoluto in Italia, è stata definita una graduatoria nazionale ufficiale determinata dai punteggi ottenuti dai piloti nelle singole gare del torneo. I criteri di partecipazione alla COPPA ITALIA DRF, sia per i piloti e sia per gli organizzatori, così come i punteggi assegnati ai piloti e alle loro squadre di appartenenza in ogni singola gara, sono
formalizzati in modo dettagliato in due distinti regolamenti che dal 2017 sono condivisi e aggiornati/migliorati annualmente attraverso un feedback continuo tra piloti, organizzatori e
direttivo.

I regolamenti sono anche il frutto di contaminazioni costruttive tra gli amatori ed il mondo dei professionisti, poiché molti dei nostri organizzatori ospitano anche le tappe del Campionato
Italiano di Drone Racing, cioè la massima categoria F9U.

Infatti, uno degli obiettivi è quello di utilizzare la COPPA ITALIA DRF per far emergere dal vivaio amatoriale i migliori piloti nazionali di droni, per poi aiutarli ad entrare nel mondo professionista. Come da regolamento, sono stati inseriti in Classifica Nazionale solo i piloti che hanno partecipato ad almeno il 50% del totale delle gare del torneo, che per il 2020 sono state 6 gare.

Quindi, come si evince dalla graduatoria piloti, di seguito riportata, solo 24 piloti su un totale di 50 hanno svolto almeno 3 gare della COPPA ITALIA DRF.
CLASSIFICA PILOTI. La costanza e la tenacia hanno riconfermato al 1°posto con 125 punti, per il secondo anno consecutivo, la studentessa di Lecce, LUISA RIZZO (LeonFire), del
team FPV Drone Extreme Puglia. Per un soffio, con solo un punto di scarto, al 2°posto c’è l’uomo da battere del 2021, lo Shumacher del drone racing italiano, il laureando di Informatica da Barga in provincia di Lucca, FRANCESCO HUDEMA (Fransis), del team DRSI – Drone Racing Series Italia, ASD affiliata al CSI di Pistoia. Anche se nel suo team si sapeva già che era un tipo tosto, emerge dal vivaio amatoriale la prima rivelazione del 2020, da Trieste, ANDREA CASTRIOTTA (Andre89), del team Blue Eyes dell’ASD LivenzaFly. Subito dopo un agguerritissimo veterano del Drone Racing – ALESSANDRO CAPPELLINI (Kappe), del team DRSI – abbiamo la seconda rivelazione di questo torneo, il simpaticissimo bolognese, che si guadagna un meritatissimo 5° posto assoluto, GIOVANNI DI NARDO (PropKill), del team GACE – Gruppo Aeromodellismo Castelfranco Emilia, ASD affiliata al CSI di Modena.

CLASSIFICA SQUADRE. Grazie alla guida di un veterano del drone racing, ALESSANDRO CAPPELLINI (Kappe), al 1° posto con 369,8 punti, svetta il team del DRSI – Drone Racing Series Italia, ASD affiliata al CSI di Pistoia. Per una manciata di punti, segue al 2°posto il team del GACE – Gruppo Aeromodellismo Castelfranco Emilia, ASD affiliata al CSI di Modena. Con un po’ di distacco dalle prime posizioni, ma un gran risultato vista la distanza percorsa per partecipare, occupa il 3° posto del podio il team FPV Drone Extreme Puglia.

Come già successo a fine 2019, anche per quest’anno organizzeremo la “tavola rotonda” del FPV Drone Racing italiano, dove saranno invitati a partecipare tutti gli organizzatori di gare e i referenti dei singoli team che hanno partecipato nel 2020. Inoltre, nel rispetto dei regolamenti, saremo aperti anche ad accogliere eventuali nuovi gruppi che volessero partecipare al torneo. L’obiettivo della tavola rotonda è quello di creare un momento di riflessione dove raccogliere le esperienze ed utilizzarle per migliorare i regolamenti e i criteri di partecipazione al fine di mantenere un’alta qualità e sicurezza nello svolgimento delle gare. Inoltre, visto il successo ottenuto nel 2020, la DRF ha intenzione di riproporre ad inizio 2021 la seconda edizione del torneo al simulatore: DRF VELOCIDRONE TOURNAMENT. Per cui alla tavola rotonda si farà un’indagine conoscitiva in merito.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2020 alle 11:13 sul giornale del 27 ottobre 2020 - 267 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, comune di fano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzJw