Civitanova: Covid Hospital pronto a riaprire, Cittaverde: "Non c'è urgenza, che scuse pretende chi lo ha voluto?"

3' di lettura Fano 23/10/2020 - E' complesso nella marea di dati che tv e altri media forniscono anche contraddittoriamente e con toni che potrebbero essere meno allarmisti esprimere un giudizio completo specie da chi non opera nel settore ma che osserva per quel che può i dati dare un giudizio sulle motivazione concrete e verificabili del perché, eccetto l'aumento dei contagi, la nuova giunta regionale con il neo assessore alla sanità abbiano deciso di riaprire la Covid Hospital di Civitanova.

Da cittadino che ha fortemente criticato i tempi, le modalità della trasformazione della Fiera in ospedale Covid-19 i fatti hanno dato ragione. Il Covid Hospital allora aprì fra critiche di esimi professori, da qualche ordine dei medici, dai sindacati di categoria, ecc… Dopo qualche giorno di funzionamento per tre ricoverati è stata chiusa. Dopo la chiusura, in particolare da parte della politica eccetto la sottosegretaria del Pd Alessia Morani, è caduto un silenzio direi imbarazzate. Intanto la Regione spendeva 30.000 euro al mese per la guardiania della struttura.

Faccio anche notare che, ospite in tv, Guido Bertolaso si lasciò andare a delle frasi minacciose fra le quali la promessa di una denuncia penale se solo le strutture del Covid Hospital fossero state cannibalizzate per essere destinate ad altre strutture sanitarie. Bertolaso è personalità importante, un esperto in Protezione Civile e quella minaccia di denuncia potrebbe essere interpretata come se quelle strutture fossero di proprietà privata.

Per tornare alla situazione attuale è utile fare due conti. Nelle strutture ospedaliere marchigiani attualmente ci sono 127 posti in terapia intensiva e otto in terapia semi intensiva. Occupati a ieri il 14% dei posti disponibili. Quanti sono i posti di terapia intensiva e semi intensiva convertibili finanziate dal governo e che la Regione Marche dovrebbe implementare?

La Giunta Acquaroli con l'assessore alla sanità Saltamartini ha deciso la riapertura del Covid Hospital. Se i numeri sono quelli resi noti dove sta l'urgenza di riaprire una struttura che Bertolaso ha detto che si può avviare in 24 ore? Ovviamente hanno facoltà di decidere e naturalmente se ne assumono la responsabilità. Faccio solo notare che dopo qualche giorno dalla inaugurazione il partito del presidente della giunta e dell'assessore alla Sanità con qualche esponente regionale del loro partito organizzarono davanti alla Fiera un flash mob di critica, di protesta.

Mi permetto un'altra domanda: quanti nuovi specialisti fra rianimatori, pneumologi, radiologi, infermieri sono stati reclutati dalla regione Marche e saranno reclutati considerato che tutti a partire da esimi professori avevano pronosticato una seconda ondata del Covid-19? Quando inizieranno i lavori per completare i due piani dell'ospedale di Civitanova?

Certo se invece dei dati, delle esperienze, delle risultanze scientifiche qualche politico si affida, invece di programmare e provvedere, alla legge di Murphy fa male il suo lavoro e ci può stare, nessuno è perfetto. Ma per favore non si pretendano le scuse perché domani riapre il Covid Hospital. Voglio sperare che la struttura organizzativa di Regione e Asur facciano tutto il possibile per mettere in campo tutte le disponibilità e che implementi quanto necessario sui territori e negli ospedali per la prevenzione e la cura dei cittadini.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Civitanova.
Per Whatsapp aggiungere il numero 348.7699158 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @viverecivitanova o cliccare su t.me/viverecivitanova.

Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverecivitanova/ e Twitter: twitter.com/viv_civitanova.






Questo è un articolo pubblicato il 23-10-2020 alle 14:57 sul giornale del 24 ottobre 2020 - 274 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzvH





logoEV
logoEV
logoEV