"Giù le mani da Villa Tombari": l'interrogazione urgente targata M5S

2' di lettura Fano 03/06/2020 - Nel lungo percorso che dovrebbe lentamente condurre all’approvazione del nuovo piano regolatore, ci auguriamo che l’Amministrazione possa dimostrare con i fatti di tenere in debito conto la conservazione degli edifici di valore storico e architettonico. A questo riguardo, deve ancora rimarginarsi la ferita aperta dall’abbattimento dell’ex Mulino Albani, peculiare testimonianza di archeologia industriale, per far posto a un discount.

Lo scorso anno si profilava la sorte della demolizione anche per Villa Tombari, significativo esempio di architettura padronale rurale, menzionato negli studi preliminari al PRG Cervellati condotti dall’arch. Fiocco e dal prof. Deli. Per fortuna in quella circostanza intervenne la Soprintendenza che nel marzo 2019 annunciò l’avvio dell’iter per la tutela dell’immobile, finché la commissione regionale per il patrimonio culturale ha riconosciuto Villa Tombari come bene “di interesse storico tipologico urbano e di memoria particolarmente importante”.

Oggi tornano a rincorrersi una serie di indiscrezioni, sempre più insistenti, che paventerebbero l’intenzione dei privati di costruire due nuove unità immobiliari nel giardino della villa, parte integrante della rilevanza storica del bene. Se queste voci trovassero conferma, e se venisse consentito un intervento edilizio di questo genere, si tratterebbe di un altro sfregio intollerabile all’identità culturale della nostra città che incontrerà senz’altro la nostra più ferma opposizione.

Villa Tombari compariva già nel catasto pontificio del 1818 e, oltre ad aver assunto una valenza urbanistica significativa nella zona in cui sorge, tanto da aver dato il proprio nome a una via, rappresenta un’importante testimonianza del caratteristico contesto socio-economico che fu la società agricola tra il 19° e il 20° secolo a Fano e nelle Marche. L’Amministrazione comunale ha il dovere di preservare la memoria che questo bene incarna e può anche cogliere l’occasione per riscattarsi dagli errori commessi nel passato. Per questo chiederemo all’ufficio di presidenza di poter svolgere nel prossimo consiglio di giovedì 4 giugno un’interrogazione orale urgente per sapere quanto c’è di vero nelle indiscrezioni che circolano e quali siano gli orientamenti della Giunta in merito alla questione.

Tommaso Mazzanti
Marta Ruggeri
Francesco Panaroni








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-06-2020 alle 15:44 sul giornale del 04 giugno 2020 - 477 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, MoVimento 5 Stelle Fano, comunicato stampa, villa tombari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bm4V





logoEV