Coronavirus: sospese 4 aziende che avrebbero voluto proseguire l'attività. Già 568 le richieste

1' di lettura Fano 02/04/2020 - Prosegue l’esame delle comunicazioni trasmesse alla Prefettura dalle imprese che intendono proseguire l’attività ai sensi del D.P.C.M. 22 marzo 2020 e del Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 25 marzo 2020.

Le comunicazioni pervenute alla data odierna sono 568 di cui 556 sono attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere, dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali, 9 sono attività a ciclo produttivo continuo e 3 sono attività dell'industria dell'aerospazio e della difesa, nonché delle altre attività aventi rilevanza strategica nazionale.

Quelle per le quali è stata completata l’istruttoria sono 216. Tra esse 11 sono risultate di competenza di altre Prefetture e 27 riferibili ad aziende che possono continuare a svolgere l’attività a prescindere dalla comunicazione in quanto titolari di codici ATECO ricompresi nella tabella allegata al Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 25 marzo 2020.

Per 4 aziende è stata disposta la sospensione in quanto non rientranti in una delle tre tipologie ammesse; per 4 è stata assentita la prosecuzione dell’attività limitatamente a quella parte di essa riconducibile alle filiere essenziali, mentre per diverse aziende è stata ravvisata l’esigenza di un supplemento di istruttoria.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2020 alle 19:52 sul giornale del 03 aprile 2020 - 22888 letture

In questo articolo si parla di attualità, lavoro, fano, prefettura, pesaro, aziende, prefettura di pesaro, Prefettura di Pesaro Urbino, comunicato stampa, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/biVe





logoEV
logoEV