Coronavirus: al Santa Croce anche i proventi delle iscrizioni della bocciofila San Cristoforo

1' di lettura Fano 30/03/2020 - Continuano le manifestazioni di solidarietà nei confronti degli operatori sanitari che stanno fronteggiando l’emergenza sanitaria in corso. Alla lunga lista si aggiunge oggi anche l’asd Bocciofila San Cristoforo che tramite l’iniziativa di Confcommercio ha devoluto una cospicua somma all’ospedale Santa Croce, dando un “valore” ai mesi di inattività.

La somma devoluta, infatti, equivale all’incirca alla somma messa a budget dalla società per l’iscrizione degli atleti alle gare di marzo e aprile che, ovviamente, sono tutte sospese.

“Oltre alla promozione dello sport- sottolinea il presidente, Paolo Marchionni – la nostra realtà è da sempre attenta alle dinamiche sociali e inclusive e non poteva certo restare indifferente in un momento come questo”.

Va ricordato che Marchionni e il consiglio direttivo della bocciofila furono tra i primi ad adottare misure drastiche chiudendo l’impianto di Via Castelfidardo il 2 marzo, quando ancora ordinanze e decreti non lo prevedevano ma consentivano il suo utilizzo per gli allenamenti, elemento questo che ha salvaguardato la salute dei tesserati (molti over 60).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-03-2020 alle 01:35 sul giornale del 30 marzo 2020 - 313 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, solidarietà, bocce, bocciofila San Cristoforo, ospedale santa croce, comunicato stampa, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/biEX





logoEV