Digestore anaerobico, il Comitato Referendario, "Partono le diffide"

2' di lettura Fano 17/01/2020 - Il quesito referendario Consultivo sul Digestore Anaerobico è stato ufficialmente consegnato il 06 Dicembre 2019, il Sindaco ricevuto il quesito sottoscritto dai cittadini, aveva 5 giorni di tempo per inviarlo all’apposita commissione prevista dalla Statuto e dal Regolamento Comunale e la Commissione entro 30 giorni doveva dichiarare ammissibile il quesito, tempo scaduto il 10 gennaio 2020.

Per questa inadempienza amministrativa abbiamo inviato una diffida al Sindaco e agli uffici Comunali perché procedano nei termini previsti dalla legge che regola i procedimenti amministrativi, come prevede lo Statuto Comunale e il Regolamento sui Referendum.

Nonostante la grande partecipazione popolare, e la riuscita della raccolta firme per la richiesta referendaria il Sindaco Seri continua nell’idea di non ascoltare i cittadini e procedere con la realizzazione del Milionario digestore anaerobico a Bellocchi o Falcineto.

Sia nelle Dichiarazioni pubbliche che nella conferenza stampa di fine anno il Sindaco Seri ha ripetuto che il Digestore si farà, facendo ben intendere che Aset si sta occupando di verificare con valutazioni tecniche come procedere.

Con quale autorità o autorizzazione ASET valuta la realizzazione del digestore? Con quale atto amministrativo del Consiglio Comunale spende soldi pubblici? Ad oggi non ci risulta ci sia nessun atto del Consiglio Comunale che autorizzi Aset o gli uffici Comunali di procedere con la realizzazione di un struttura di grave impatto ambientale come il Digestore Anaerobico.

La notizia della mozione pro-Digestore che vuole presentare la Maggioranza del Sindaco Seri ha solo questa finalità, SANARE una evidente mancanza di atti amministrativi autorizzativi per realizzare il digestore anaerobico a Fano.

La stessa notizia dell’incontro del 24 gennaio 2019 alla sala di rappresentanza della Fondazione Carifano, è l’ennesima prova della volontà del Sindaco Seri di procedere forzando l’opinione pubblica su questo tema, la Presidente di Legambiente di Fano era candidata nelle liste di Seri Sindaco, e legambiente che non dovrebbe occuparsi di politica, organizza un convegno dal titolo FAKE NEWS sul digestore anaerobico, prendendo le parti politiche del Sindaco.

Per questo motivo stupisce la concessione della sala di rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio per un evidente incontro FAZIOSO e organizzato mentre si discute la proposta di una mozione in Consiglio Comunale pro-Digestore, la Fondazione non dovrebbe sostenere parti politicamente esposte.

Abbiamo in queste settimane sospeso gli incontri informativi in considerazione della valutazione del quesito referendario, ed anche se il Sindaco non rispetta alcuna regola etica e democratica, continueremo dalle prossime settimane negli incontri informativi il primo dei quali sarà a Bellocchi con tecnici e medici, per capire quali ricadute avrà il digestore anaerobico sulla salute dei cittadini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-01-2020 alle 11:58 sul giornale del 18 gennaio 2020 - 697 letture

In questo articolo si parla di politica, Comitato Referendario Fanese, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/be0p