L’ultimo saluto a Federica Frattesi. I figli: “Ci hai insegnato la voglia di vivere”

3' di lettura Fano 11/01/2020 - Saper riconoscere il vero valore della vita. Dare forza a questa convinzione, e trasmetterla ai propri cari nonostante la malattia. Questo ha saputo fare Federica Frattesi, la maestra elementare vinta a 48 anni da un male che però – a giudicare soprattutto dal ricordo dei figli – non l’ha mai sconfitta davvero. Di certo non nello spirito.

Alle 15 di venerdì 10 gennaio la comunità di San Costanzo le ha rivolto il suo ultimo saluto. Sono accorsi in migliaia nella chiesa di Sant’Agostino, per rendere omaggio a lei che era una maestra amata e stimata – insegnava presso l’istituto comprensivo ‘Fermi’ di Mondolfo, San Costanzo e Monte Porzio -, ma anche una moglie e una madre adorata (qui i dettagli).

Lo dimostrano le parole di Filippo e Vittoria, i suoi figli di 11 e 17 anni frutto dell’amore tra lei e Marco Sonnante, presidente dell’associazione musicale ‘La Concordia’. “Sei stata la madre migliore del mondo, una guerriera”, ha detto il piccolo Filippo nel suo tenero e coraggioso intervento. “Ti ho sempre voluto un mondo di bene – ha continuato -, e sempre te ne vorrò. Ti ringrazio per quello che hai fatto per noi, così come per quello che hai fatto per tutta la famiglia. Sei stata una bravissima madre, sempre geniale, e per babbo una moglie stupenda. Ricorderò chi eri, e il bene che hai fatto sempre per tutti. Crescerò come te. Mi hai insegnato a camminare, a parlare e a voler bene al prossimo, ma anche a diventare grande. Ti ringrazio soprattutto per questo, mamma”.

La cerimonia ha visto la partecipazione fisica ed emotiva di praticamente l’intera comunità sancostanzese. Di intervento in intervento, è emerso quanto questa ‘maestra buona’ fosse un modello per tutti, soprattutto per la sua forza e per la sua voglia di vivere, come sottolineato anche da sua figlia Vittoria. “Voglio soltanto ribadire quanto amore e forza hai sempre messo in tutto quello che hai fatto – ha esordito -, e per avermi insegnato, tra le tante cose, quella più importante: l'amore per la vita. Perché, come hai sempre detto, la vita è bella. Questo è un momento straziante, e ora quella frase è difficile da ripetere. Ma ti prometto che m'impegnerò, e che non smetterò mai di dirla e di ripeterla pure a Filo, che forse ne ha bisogno anche più di me. Non so esattamente dove sei, ma mi piace pensare che ora ti trovi in quel campo di girasoli che ti piace tanto, e che splendono esattamente come solo il tuo sorriso sa fare. Una cosa è certa: continuerai a essere indubbiamente la mia dolce mamma, e continuerai a trasmettermi quella forza che ti ha sempre contraddistinto, e di cui vado estremamente fiera. Sono anche sicura del fatto che mi stai guardando, che mi stai accarezzando i capelli, e che me li stai raccogliendo in quella lunga treccia che ti è sempre piaciuto farmi. Come sempre - ha concluso - mi stai dicendo: ‘Dai, Vitti, superiamo anche questa’. Quindi sì. Insieme, piano piano, ce la faremo. Come sempre. Mamy, ti voglio bene. Tanto”.


Nelle foto seguenti Federica Frattesi e la folla fuori dalla chiesa durante la cerimonia.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2020 alle 20:01 sul giornale del 13 gennaio 2020 - 9824 letture

In questo articolo si parla di cronaca, san costanzo, funerale, articolo, Simone Celli, lutti, federica frattesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beVm