Health Technology Assessment, Ceriscioli: "Ogni anno passi avanti concreti per misurare impatto della tecnologia sul sistema sanitario"

2' di lettura Fano 06/12/2019 - Sviluppare la capacità di allocare in maniera ottimale le risorse disponibili in modo da massimizzare efficienza e produttività delle organizzazioni sanitarie nonché efficacia ed appropriatezza delle cure. E’ questa la finalità strategica dell’ Health Technology Assessment di cui si è parlato venerdì in un convegno in Regione, dedicato in particolare alla maculopatia.

Intervenendo al convegno il presidente Luca Ceriscioli ha ringraziato “chi ha lavorato a questo percorso di formazione e condivisione per riqualificare i processi informativi e rendere così omogenei i servizi sanitari. Non sembri una semplice ridefinizione delle procedure a carattere autoreferenziale, perché è invece un’operazione essenziale di analisi e valutazione per guadagnare in qualità a vantaggio dei cittadini e dell’intero sistema sanitario . Il punto inserito, anche se ancora non approvato, sul patto per la salute 2019-2021 cioè utilizzare, in sede di aggiornamento annuale dei livelli essenziali di assistenza, metodologie di Health Technology Assessment al fine di misurare il reale impatto attuale e prospettico della proposta di aggiornamento sull’intero sistema sanitario, in termini di benefici e costi, è fondamentale, perché viene indicata proprio questa tecnologia HTA per misurare i processi della revisione dei livelli essenziali LEA , cioè un percorso metodologico sul quale incardinare una revisione. Quindi c’è una grande soddisfazione nel vedere che va avanti ogni anno questo processo e si era partiti dai soli principi, mentre oggi stiamo facendo passi avanti concreti attraverso un cambio culturale. I miei complimenti a tutti per l’impegno e il lavoro svolto.”

L’edizione 2019 della Scuola di HTA Operativo ha finalizzato i lavori alla realizzazione di un report sul percorso diagnostico-terapeutico delle maculopatie (4,7 milioni/anno di sola spesa farmaceutica, circa 25.000 pazienti nelle Marche). L’obiettivo del report è fornire elementi di miglioramento del sistema per poter offrire ai pazienti della regione Marche, affetti da maculopatia, il miglior servizio sanitario possibile.

A corollario del lavoro svolto sono state individuate 6 proposte operative per il miglioramento del percorso clinico-assistenziale nel SSR. Alla realizzazione del report hanno collaborato, nel corso di 5 incontri di laboratorio, oltre 40 operatori del mondo sanitario di diversa professionalità .

Nel nuovo Piano sanitario regionale 2020-2022 è prevista la Realizzazione della Rete Regionale di Health Technology Assessment (HTA). Una Rete, composta da un nucleo centrale regionale e da componenti esperti provenienti dagli Enti del SSR con una duplice funzione: assolvere alle esigenze di ambito regionale, cioè adottare la metodologia di HTA nell’ambito del sistema di governo complessivo del SSR come strumento a supporto delle decisioni di investimento/disinvestimento in tecnologie sanitarie; collaborare con le istituzioni centrali (Ministero Salute, AGENAS, Istituto Superiore di Sanità) per la realizzazione di progetti di HTA di dimensione nazionale.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2019 alle 15:46 sul giornale del 07 dicembre 2019 - 845 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdJ0