Scogliere Sassonia, M5S: "Perso un milione di euro dal governo perché non c'erano progetti"

2' di lettura Fano 16/11/2019 - Per più di un anno il consigliere regionale Minardi ha millantato un milione di euro per il completamento delle scogliere della Sassonia, che secondo la sua fantasiosa narrazione sarebbe stato tagliato dal governo precedente.

Mentre sosteneva con invidiabile ostinazione queste assolute falsità, non esistevano neppure i progetti definitivi ed esecutivi per i setti mancanti in corrispondenza delle concessioni di Bagni Carlo e Bagni Gabriele, come abbiamo appurato giovedì sera in consiglio grazie a una nostra interrogazione urgente.

Nel frattempo, grazie all’impegno del Movimento 5 Stelle e del Ministro Costa, il Governo approvava il piano “ProteggItalia”, un grande programma contro il dissesto idrogeologico e per la difesa della costa che prevede investimenti per 11 miliardi di euro nel triennio 2019-2021, di cui tre subito spendibili per opere immediatamente cantierabili nel 2019. Soldi veri, a differenza di quelli metafisici di Minardi. Nella ripartizione ufficiale, alle Marche spettavano 9 milioni e mezzo di euro, eppure Ceriscioli non ha richiesto i soldi per le nostre scogliere. Come mai? Ora lo sappiamo: mancavano i progetti e quindi l’immediata cantierabilità è andata a farsi benedire!
Cosa faceva Minardi nel frattempo? Con ammirevole coraggio, cercava di scaricare le gravi mancanze della Regione, ente competente sul contrasto all’erosione costiera, sul governo che più di tutti ha speso per mettere in sicurezza il territorio.
In tutto questo, il vicesindaco Fanesi non aveva idea di che cosa stessimo parlando quando abbiamo fatto riferimento al piano “ProteggItalia”, nonostante Marta Ruggeri in campagna elettorale avesse sollecitato più volte il Sindaco a cogliere questa occasione.

Ci sarebbe da ridere se non fosse che la situazione del nostro litorale ormai ha raggiunto livelli di gravità non più trascurabili e rinviabili, danneggiando i concessionari e di conseguenza il turismo balneare della nostra città, soprattutto a seguito degli ultimi violenti fenomeni atmosferici.
È giunto il momento che chi governa la Regione si assuma le proprie responsabilità e risolva una volta per tutte, e in tempi rapidi, questa problematica che si trascina da troppi anni. Certo, sarebbe stato tutto più facile se l’Amministrazione comunale avesse assunto in consiglio l’impegno di stanziare una quota parte dei finanziamenti necessari, cosa che non è avvenuta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2019 alle 15:56 sul giornale del 18 novembre 2019 - 340 letture

In questo articolo si parla di politica, MoVimento 5 Stelle Fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcTr





logoEV