Mondolfo: polemiche su parcheggi e piste ciclabili, FIAB Marche, "Risultati dimostrano infondatezza di certi timori"

pista ciclabile 2' di lettura 13/09/2019 - Le polemiche nate a Mondolfo a proposito di parcheggi e piste ciclabili meritano qualche riflessione. Ogni volta che si decide di tagliare o trasferire posti auto, si levano forti proteste; è successo dappertutto e succederà ancora.

Sono però i risultati a dimostrare l’infondatezza di certi timori: restituire ai cittadini spazi urbani, spesso perennemente occupati dalle automobili, non solo migliora la mobilità quotidiana ma contribuisce ad incrementare la valenza turistica dei territori; è il web a darne conferma, digitando parole chiave come “bikeconomy” e “cicloturismo”.

Lo scorso anno Mondolfo ha deciso di far valutare il suo grado di vivibilità partecipando a “Comuni ciclabili”, il riconoscimento che la FIAB attribuisce in base a parametri elaborati da prestigiosi soggetti tra cui INU (Istituto Nazionale Urbanistica), ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e Università La Sapienza di Roma; si tratta di una sorta di impegno a migliorare costantemente tutto ciò che può rendere la città sempre più sicura ed ospitale: piste ciclabili, marciapiedi, aree verdi, zone pedonali, incentivi alla mobilità collettiva, limitazioni al traffico motorizzato, ecc.; in sostanza, una scelta coraggiosa per avere meno traffico, meno pericoli e meno inquinamento anche là dove sono concentrate le attività legate al turismo.

Il lungomare di Marotta, di cui è previsto un sostanzioso restyling, è importante anche perché è una parte della Ciclovia adriatica che, unendo l’Italia dal Veneto alla Puglia, potrà convogliare dalle nostre parti notevoli flussi cicloturistici; per questo, insieme ad altro come ad esempio una buona rete di trasporto pubblico, sono indispensabili percorsi ciclopedonali di grande qualità, cioè ampi, sicuri, ben arredati, in grado di competere con altre piste che da tempo apportano grandi benefici in Trentino, Veneto e Lombardia, tanto per restare in Italia.

La sensibilità nei confronti della viabilità alternativa sta crescendo ed è noto che ogni euro impiegato in questo settore ritorna in pochi anni moltiplicato più volte; i nostri territori, anche per questioni climatiche, hanno molto da offrire a milioni di turisti in bicicletta, soprattutto stranieri, alla ricerca di luoghi belli, tranquilli e sicuri; quindi è auspicabile che, mettendo da parte polemiche e timori, a Mondolfo si continui a lavorare bene per assicurare a tutti una mobilità sempre più sostenibile.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2019 alle 15:26 sul giornale del 14 settembre 2019 - 986 letture

In questo articolo si parla di attualità, mondolfo, parcheggi, piste ciclabili, FIAB Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baze