Sabato Terence Blanchard & The E Collective alla Rocca Malatestiana

3' di lettura Fano 19/07/2019 - Sabato 20 luglio, dopo i due eventi speciali dedicati alla musica elettronica realizzati in collaborazione con l’associazione Umanesimo Artificiale, la XXVII edizione di Fano Jazz By The Sea entra nel vivo della sua ricca programmazione ospitando alla Rocca Malatestiana il concerto del trombettista americano Terence Blanchard e del suo E Collective (ore 21.15; biglietto da 25 a 30 Euro, ridotto da 23 a 27 Euro).

L’inaugurazione ufficiale del Festival è fissata alle ore 18,30, in coincidenza con la partenza della street parade per le vie e le piazze del Centro Storico animata dalla P-Funking Band. Alle 19,30 è quindi prevista la prima esibizione sullo Young Stage, allestito all’interno del Jazz Village, posto appena fuori della Rocca Malatestiana e dove fino al 27 luglio si svolgeranno sin dal mattino numerose attività, anche didattiche. Protagonista del concerto inaugurale di di questo vero e proprio "salotto del jazz", sarà la violinista Anais Drago che presenterà il suo progetto dedicato a Frank Zappa. In chiusura di serata, sempre al Jazz Village, alle ore 23 e per la sezione Cosmic Journey, spazio al mix di jazz, funk, afro funk e hip hop proposto dai pesaresi Rhythmical Archives. Per chi ama svegliarsi presto o star sveglio tutta la notte, imperdibile è il concerto l’alba all’Anfiteatro Rastatt (Spiaggia Sassonia) di domenica mattina (ore 5): il sorgere del sole sarà salutato dalle note del pianista Mirko Signorile. Terence Blanchard è uno dei nomi più in vista e acclamati del jazz di oggi, anche nelle vesti di compositore di colonne sonore: le sue musiche per l’ultimo film di Spike Lee, Blackkklansman, sono state insignite di un Grammy e di una nomination agli Oscar.

Nato a New Orleans, Terence Blanchard si è fatto strada suonando nell’orchestra di Lionel Hampton e nel 1982 è entrato nei Jazz Messengers di Art Blakey, subentrando all’amico e concittadino Wynton Marsalis. Da allora è stato un frenetico susseguirsi di successi, di nomination e di vittorie ai Grammy Awards, di dischi, di importanti colonne sonore, soprattutto per il portabandiera del black cinema (Jungle Fever, Malcolm X, La 25a ora, S.O.S. Summer of Sam – Panico a New York, Miracolo a Sant’Anna e, appunto, il recente Blackkklansman). Con l’E-Collective, formazione che batte i sentieri di un jazz elettrico dalle tinte e inflessioni funkeggianti, rifacendosi all’ultima stagione di Miles Davis, il trombettista ha registrato due album, il secondo dei quali dal vivo, dimensione che appare quella ideale per far emergere tutto il potenziale del leader e della sua band. Band che comprende il chitarrista Charles Altura, il pianista e tastierista Gerald Clayton, il bassista David Ginyard e il batterista Oscar Seaton. Il complesso universo espressivo di Frank Zappa è al centro della ricerca della violinista Anais Drago, che all’opera di uno dei geni musicali del Novecento ha dedicato i suoi studi per poi farli confluire in un vero e proprio progetto concertistico.

Il repertorio di Anais Drago & The Jellyfish parte quindi dal vastissimo materiale tematico zappiano, soprattutto dai primi 10 album, ed è arricchito da brani originali, sempre ispirati ad uno dei massimi compositori americani di tutti i tempi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2019 alle 11:36 sul giornale del 20 luglio 2019 - 379 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9N5