Spara all’imbianchino per il conto troppo alto: scattano i domiciliari

1' di lettura Fano 18/05/2019 - Si trova agli arresti domiciliari l’uomo che nei giorni scorsi ha sparato a un imbianchino di origini albanesi ma residente a Fano. A.P. – autotrasportatore campano di 57 anni – si trova ora nella sua abitazione di Fossombrone.

Tutto si è svolto nella notte tra mercoledì e giovedì a Pian di Rose (Sant’Ippolito), quando il napoletano – temendo reazioni violente - si è presentato armato di revolver all’ennesimo appuntamento con l’imbianchino. Con quest’ultimo c’era anche un collega di origini moldave. Al termine di una lite, A.P. ha estratto l’arma da sotto la felpa e l’ha puntata alla testa dell’albanese, minacciando di far fuoco. Alla base del gesto ci sarebbe il conto del servizio erogato dai due artigiani, che sarebbe lievitato di diverse migliaia di euro rispetto al preventivo iniziale.

Alla fine, A.P. ha colpito l’albanese alla gamba. Il proiettile ha trapassato il muscolo, ma non ha raggiunto l’osso. In un primo momento il 57enne ha anche provato a soccorrere l’imbianchino ferito, ma poi si è dato alla fuga. Alla guida del suo camion si è diretto verso il nord Italia, ma i carabinieri sono riusciti a localizzarlo in un parcheggio per camionisti vicino al casello di Rimini nord. Una volta bloccato, A.P. è stato condotto nella vicina caserma. Il revolver l’aveva lasciato a casa, dove deteneva regolarmente anche altre armi. E dove ora dovrà scontare la sua pena. L’albanese se la caverà con trenta giorni di prognosi.






Questo è un articolo pubblicato il 18-05-2019 alle 18:36 sul giornale del 20 maggio 2019 - 1084 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sant'ippolito, fossombrone, pian di rose, spari, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7D8