Restyling del Pincio, Nuova Fano: "Lavori fatti in fretta, unico obiettivo tagliare il nastro" [FOTO]

3' di lettura Fano 18/05/2019 - Il restyling del Pincio e la fretta di tagliare un altro nastro a ridosso delle elezioni a dimostrato ancora una volta la cecità dell’amministrazione Seri nel programmare e seguire i lavori assicurando la giusta fattibilità.

Stefano Pollegioni e Gianluca Rossi della Lista Civica Nuova Fano tornano sul tema delle infrastrutture e questa volta ad essere chiamati in causa sono i lavori di restyling al Pincio.

Infatti ancora una volta, dicono gli esponenti della Nuova Fano, non possiamo fare a meno di far notare delle inadempienze nei lavori effettuati. Basta alzare gli occhi e notare che le ringhiere dei terrazzi delle mura del Pincio non sono regolari secondo quanto prescritto dalla normativa sulla sicurezza .

Siamo di nuovo difronte ad una ulteriore conferma che i lavori di questa amministrazione sono stati fatti in tutta fretta, a ridosso delle elezioni, senza alcun controllo ma solo per tagliare un ennesimo nastro sbiadito ai fini elettorali?

Siamo purtroppo abituati, continua Pollegioni e Rossi, da tempo a vedere una Amministrazione comunale che pur di tagliare nastri e far passare, mediaticamente, ciò che non è si assume anche responsabilità importanti . Tempo fa abbiamo fatto notare con quanta incuranza sono stati fatti i lavori sulla bretella Fano Bellocchi tant’è che i nostri rilievi sono stati presi in considerazione del Ministero delle Infrastrutture che non solo farà le opportune verifiche della sede stradale ma interverrà una volta per tutte anche lungo la linea ferroviaria Fano Urbino dove di inadempienze ce ne sono abbastanza.

Tornando ai lavori del Pincio notiamo che le ringhiere di protezione poste sulle terrazze del Bastione Nuti sono alquanto pericolose , arrampicabili e anche oltrepassabili con facilità da bambini che rischiano, per questo, di precipitare con possibili e gravi conseguenze.

Forse l’Assessore ai lavori pubblici anche questa volta non ha tenuto conto o non ha controllato che quelle ringhiere fossero costruite a norma di legge ? forse la cecità dovuta dalla fretta di fare una bella figura nell’inaugurare il Pincio ha fatto si che sfuggissero cose estremamente importanti ? una cosa è certa il Pincio è stato aperto al pubblico e salire in quei bellissimi terrazzi con dei bambini è estremamente pericoloso.

L’Assessore preposto saprà che esiste una normativa la UNI 10809/1999 "Ringhiere,balaustre o parapetti prefabbricati" che definisce alcuni dei requisiti fondamentali. Infatti stabilisce che le suddette ringhiere devono essere disposte in maniera tale da sfavorire l'arrampicata in special modo quelle realizzate a fasce orizzontali che dovranno avere una protezione cieca (vetro o lamiera) per la stessa altezza tale da impedire l'arrampicata.

Quindi ancora una volta ci troviamo davanti ad un opera pubblica che è costata tanti soldi ma che dovrà subire delle modifiche importanti causate da disattenzione e superficialità ?

Oppure qualcuno della Amministrazione comunale o della sovrintendenza vorrà assumersi una tale responsabilità dovuta al rischio di eventuali infortuni o disgrazie che sarebbe bene evitare?

(Segue una gallery con le foto del nuovo Pincio, ndr)








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2019 alle 12:33 sul giornale del 20 maggio 2019 - 1615 letture

In questo articolo si parla di lavori pubblici, fano, politica, pincio, Circolo Nuova Fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7Do





logoEV