“Silvia Romano è viva”: la volontaria della onlus fanese sarebbe ancora in Kenya. I dettagli

1' di lettura Fano 13/04/2019 - La speranza è l’ultima a morire. Secondo gli investigatori kenioti, la cooperante milanese rapita lo scorso 20 novembre sarebbe nelle mani di un’altra banda di criminali, ma non avrebbe mai lasciato il Paese. In altre parole: Silvia Romano è ancora viva.

È una boccata d’ossigeno per la sua famiglia e per i tanti che da mesi sono in apprensione per le sorti della ragazza. In questi giorni gli investigatori locali hanno infatti incontrato i carabinieri del Ros, aggiornandoli sull’esito delle ricerche.

Fondamentali le informazioni fornite dalle persone già arrestate per il rapimento della volontaria della onlus fanese Africa Milele (qui scheda e foto). Due di loro avrebbero infatti deciso di collaborare, rivelando che Silvia sarebbe finita nelle mani di un’altra banda, ma non se ne sarebbe mai andata dal Kenya. Appena qualche giorno fa il consigliere regionale Sandro Bisonni aveva presentato una mozione per porre fine a una strategia del silenzio da lui considerata sterile.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 13-04-2019 alle 16:27 sul giornale del 15 aprile 2019 - 1855 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, volontariato, africa, redazione, vivere fano, kenya, rapimenti, Africa Milele, articolo, Simone Celli, Silvia Romano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6t9