Capolavori a quattro mani: la mostra “Natarian” continua fino al 14 aprile [FOTO]

3' di lettura Fano 03/04/2019 - Colori che esplodono sulla tela. Ondate di energia trasmesse attraverso la pittura. Belle vibrazioni che arrivano a destinazione grazie a immagini potenti e che sanno di infinito. Tutto questo è “Natarian”, la mostra inaugurata lo scorso 16 marzo nella Sala Ipogeo di Piagge (Terre Roveresche) in collaborazione con l’associazione culturale ProArt. Il cui successo ha indotto gli organizzatori ad allungarne la “vita”: per visitarla, infatti, ci sarà tempo fino al 14 aprile.

Le autrici sono Maria Rita Meloni e Anna Grossi. Da sempre amanti dell’arte – poesia e pittura le loro forme espressive predilette -, a un certo punto hanno deciso di unire forze, ispirazioni e pennelli per dare forma e sostanza a diciannove grandi opere, più altre di dimensioni più piccole. Tutte realizzate rigorosamente a quattro mani. Anna da sinistra, Maria Rita da destra. Insieme – senza canovacci né idee preconfezionate – hanno creato in sinergia per il puro piacere di abbandonarsi all’arte. E all’espressione di ciò che hanno dentro.

Il risultato? Sorprendente. Perché le opere – tutte realizzate nell’arco di un anno – riescono a fondere i due stili senza stonare. Anzi, i due approcci si completano in una dualità che si fa facilmente una. E una soltanto. Regalando allo spettatore immagini che sono spesso paesaggi, ma ancor più orizzonti senza una vera fine. La sensazione che ne esce è quella di una libertà estrema, così ampia che quasi spaventa. Ma l’energia trasmessa dal colore, insieme alla profondità stessa dei dipinti, regala un senso di indefinitezza unita a leggerezza.

A fare questo dono ai visitatori della Sala Ipogeo – sì, proprio quella che sta sopra la famosa grotta, visitabile ogni sabato – sono due artiste che si sono conosciute soltanto di recente, ma che non hanno fatto alcuna fatica a trovare una sintesi espressiva forte ed efficace. Si sono incontrate meno di due anni fa, quando Maria Rita ha dovuto fare i conti con il forfait all’ultimo minuto del critico d’arte che avrebbe dovuto esprimersi sulla sua mostra dell’epoca. Così è subentrata Anna, che di mestiere fa proprio la critica d’arte, oltre che la poetessa. Alla fine è nata un’amicizia, e Maria Rita ha smesso temporaneamente di dipingere nel soggiorno di casa sua raggiungendo Anna nel suo atelier di Corinaldo, dove ha sede anche l’associazione culturale Il Capricorno di cui Anna è presidente. Insieme, le due amiche e artiste hanno cominciato a dipingere in simultanea, sulla stessa superficie. E in totale silenzio. Tema e titolo dell’opera sono sempre emersi alla fine, meditando insieme sul risultato. L’arte senza una traccia di partenza, abbandonandosi a se stessi.

Così si è arrivati a “Natarian”. Il nome della mostra è in realtà un gioco di parole, una fusione tra i nomi delle due artiste. Ma è anche qualcosa in grado di evocare il concetto di nascita, come esprimono al meglio alcune delle opere esposte, simili a Big Bang pieni di colore e di energia. L’appuntamento è per i prossimi due weekend. La mostra resterà aperta sia il sabato sia la domenica, dalle 17 alle 20.








Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2019 alle 00:05 sul giornale del 04 aprile 2019 - 462 letture

In questo articolo si parla di arte, cultura, pittura, redazione, anna grossi, corinaldo, mostre, vivere fano, Piagge, articolo, Terre Roveresche, Simone Celli, maria rita meloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a55m