Addio al poeta Carlo Renzoni: si definiva un "artigiano della parola"

Fano 24/03/2019 - Una persona delicata e gentile, protagonista di incontri molto spesso casuali. Il web lo sta ricordando con grande affetto, per le poesie che amava dispensare, e per quel suo estro che lo fa avvicinare ad altri grandi come Federico Fellini e Fabio Tombari. Lui è Carlo Renzoni. Se n'è andato venerdì mattina.

È stato un imprenditore edile, e - soprattutto – un "artigiano della parola". Chi lo conosceva lo sa: è così che lui stesso amava definirsi. Lui che è stato un poeta di strada, un uomo che si è fatto conoscere e amare da tanti. Chi vorrà salutarlo per l'ultima volta potrà farlo lunedì 25 marzo presso la camera mortuaria all'ospedale Santa Croce di Fano. La salma resterà esposta fino alle 12.


Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 24-03-2019 alle 23:07 sul giornale del 25 marzo 2019 - 4050 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, redazione, vivere fano, calcinelli, articolo, poeti, colli al metauro, Simone Celli, lutti, carlo renzoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5HH





logoEV