MFE e AICCRE unite per rilanciare l’Europa democratica e dei cittadini

Fano 16/03/2019 - Durante l'ultimo Consiglio Comunale, come Noi Giovani abbiamo voluto raccogliere l'appello lanciato da tante associazioni, movimenti e personalità pubbliche. In vista del prossimo 21 marzo, festa del patrono d'Europa, si vuole rilanciare l'idea per una "nuova primavera europea".

L'Europa è il nostro futuro e abbiamo bisogno di difenderne il progetto e di rilanciarlo, dopo il lungo stallo in cui è rimasto in questi anni di crisi. L'appello è mosso principalmente dall'AICCRE e dal MFE, le quali vorrebbero condividerne il contenuto con tutti gli enti pubblici e privati del paese. Come Noi Giovani abbiamo voluto portare un documento in Consiglio Comunale, affinchè l'Amministrazione risponda a questo appello e riporti l'attenzione su un tema fin troppo trascurato in questi anni. Inoltre, con il prossimo appuntamento elettorale per il rinnovamento dell'Euro-Parlamento -unica Istituzione europea eletta dal Popolo-, questa iniziativa assume ancora più importanza. Anche nell'ottica di creare una sempre maggiore attenzione e controllo da parte del popolo verso istituzioni sovranazionali che dovrebbero diventare più importanti e possibilmente più democratiche nel prossimo futuro.

Si legge nel comunicato del Movimento Federalista Europeo (MFE): "Le Comunità e poi l'Unione ci hanno assicurato 70 anni di pace e la prosperità economica. Oggi, tuttavia, i traguardi raggiunti non bastano più. Anche gli amici, e non solo gli avversari dell’Europa, riconoscono che gli assetti politici ed istituzionali dell'attuale Unione europea sono inadeguati e alla lunga anche insostenibili. La differenza è sul cosa fare. Le forze nazionaliste, che oggi sembrano avere il vento in poppa, vogliono usare le prossime elezioni per indebolire le istituzioni, rinazionalizzare alcune politiche, abolire o riscrivere le regole che assicurano lo stato di diritto e tutelano i cittadini. Le forze federaliste ed europeiste ritengono invece che la crisi dell'integrazione si possa superare rafforzando il ruolo del Parlamento e della Commissione, dotando l'UE di un bilancio fondato su risorse proprie e trasferendo a livello europeo la sovranità in materie dove gli Stati nazionali sono sempre più impotenti: difesa, politica estera, gestione delle frontiere, immigrazione, ricerca e sviluppo. Le prossime elezioni europee saranno quindi uno snodo fondamentale.

E’ necessario un salto di qualità che solo il coinvolgimento e la mobilitazione dei cittadini possono far compiere. Per questo l'Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa e il Movimento Federalista Europeo, raccogliendo l’invito di riappropriarsi dei simboli europei in occasione del 21 marzo - festa di San Benedetto, patrono d’Europa - esponendo fuori dagli edifici la bandiera dell’Unione europea, si rivolgono in particolare agli enti regionali e locali affinché aderiscano e sollecitino in tal senso i movimenti e le organizzazioni della società civile, collaborando a promuovere questa forma di mobilitazione su tutto il territorio nazionale."

Mattia De Benedittis - Consigliere Comunale "Noi Giovani" Candidato al Parlamento Europeo con "Volt Italia"






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-03-2019 alle 11:03 sul giornale del 18 marzo 2019 - 203 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, noi giovani fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5og