Milano: processo Ruby, morta la testimone Imane Fadil. La procura apre un'inchiesta

Imane Fadil 1' di lettura Fano 15/03/2019 - E' morta a Milano Imane Fadil, 33 anni, una delle testimoni chiave nel processo Ruby Ter sulle cosidette "cene eleganti" di Silvio Berlusconi.

La donna è morta l’1 marzo, ma la notizia è stata diffusa solo venerdì 15 dal procuratore di Milano Francesco Greco, che ha annunciato l'apertura di un'indagine.

Fadil era ricoverata in ospedale dal 29 gennaio scorso. Secondo La Repubblica, la ragazza aveva raccontato al suo avvocato di temere di essere stata avvelenata. E' stata disposta l'autopsia.

La modella di origini marocchine iniziò a frequentare la villa di Berlusconi ad Arcore nel 2011. Fu lei a raccontare durante il primo processo Ruby i dettagli del cosidetto "Bunga Bunga". Si era poi costituita parte civile nei successivi due processi.

Il processo Ruby Ter vede l'ex presidente del Consiglio accusato di aver corrotto alcune delle donne che parteciparono ai festini al fine di farle mentire nei due processi Ruby e Ruby bis.






Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2019 alle 17:58 sul giornale del 16 marzo 2019 - 1170 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Silvio Berlusconi, milano, marco vitaloni, processo ruby, articolo, Imane Fadil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5nl