Corinaldo: strage della Lantarna Azzurra, le analisi confermano. Spruzzato spray al peperoncino

Fano 15/03/2019 - Le analisi effettuate dalla Procura hanno confermato quanto già i testimoni avevano dichiarato fin delle prime ore della tragedia: a scatenare il panico all'interno della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, dove poi a causa del fuggi fuggi hanno person la vita cinque ragazzi tra i 14 e i 16 anni, e una mamma di 39 anni, è stato lo spray al peperoncino.

A renderlo noto è stato il Procuratore della Repubblica di Ancona Monica Garulli, alla fine delle analisi dei carabinieri del Racis effettuate su 118 campioni prelevati nella discoteca dopo la strage del 7 dicembre scorso. Le analisi hanno riscontrato la presenza di tracce di capsaicina e diidrocapsaicina, composto chimico presente nel peperoncino. Residui della sostanza infatti sono stati trovati nei campioni prelevati sul pavimento del locale. Del resto fin da subito moltissimi testimoni, che sono scampati dalla tragedia, hanno riferito di aver sentito un forte odore acre, difficoltà respiratoria e bruciore agli occhi, sintomi tutti riconducibili alla presenza di spray al peperoncino nell'aria.

All'interno della discoteca è stata rinvenuta una sola bomboletta spray, che però non è stata ancora analizzata, ed ora occorrerà capire se la sostanza trovata a terra è la stess di quella contenuta nella bomboletta. Confermati gli indagati per omicidio colposo, quali i proprietari dell'immobile trasformato in discoteca, i gestori della discoteca, un dj e organizzatore della serata in un cui era prevista l'esibizione del trapper Sfera Ebbasta e il responsabile della sicurezza.

Sulla tragedia della discoteca ha aperto un fascicolo anche la Procura dei minori in quando è indagato un 17enne, sospettato di avere usato lo spray al peperoncino. Il 17enne però si è dichiarato estraneo ai fatti e avrebbe anche un alibi per quella sera.






Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2019 alle 18:13 sul giornale del 16 marzo 2019 - 512 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, corinaldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5nq