Giallo delle ossa rotte: Federico potrebbe essere caduto. Sequestrato il cellulare

Fano 20/02/2019 - Lui non ricorda nulla. I vicini? Non si sono accorti di niente. E tutto questo di certo non aiuta. La storia di Federico Carloni, il 39enne fanese trovato sanguinante e con le ossa rotte nel suo letto lo scorso venerdì mattina, resta a tutti gli effetti un mistero. Anche ora che i medici hanno escluso l'improvviso sopraggiungere di qualche rara malattia. Soprattutto ora che l'unica ipotesi plausibile sembra essere quella di una rovinosa caduta.

Sospetto quel terrazzino lì in casa sua. Alto quattro metri, è da lì che Federico potrebbe essere precipitato (qui tutti i dettagli). Ma come? Perché? E – soprattutto – come avrebbe fatto, poi, a tornare nel suo letto con le sue gambe, come se nulla fosse successo, dopo essersi rotto l'oso del bacino ed entrambe le spalle?

Troppe le domande ancora aperte. Le risposte, però, potrebbero arrivare dal suo cellulare, ora sequestrato su ordine del pm. Eventuali chiamate o messaggi potrebbero aiutare a far luce su questo vero e proprio giallo. Perché la pista della caduta è già qualcosa, ma non basta a fare del tutto chiarezza. Soprattutto in una vicenda come questa, che vede protagonista un uomo irreprensibile. E apparentemente senza nemici, se non le malelingue dalla tastiera facile che hanno riempito il web di illazioni provocando anche la reazione di Federico dal letto d'ospedale (qui il testo integrale).


Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2019 alle 15:07 sul giornale del 21 febbraio 2019 - 5100 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, redazione, vivere fano, articolo, Simone Celli, Federico Carloni, ossa rotte

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a4uF





logoEV
logoEV