La Lega sullo stadio Mancini: "Almeno speriamo non piova"

Fano 07/01/2019 - Quella della copertura della tribuna dello stadio Mancini è l'ennesima e speriamo ultima triste storia di lavori pubblici sbandierati e mai eseguiti, oppure di quelli fatti ma dai dubbi risultati (leggasi asfaltature) della giunta Seri.

Il voler trasformare gli ultimi mesi di questo fallimentare mandato in una frenetica corsa all'annuncio, con la mal celata speranza di tagliare anche qualche nastro, o posare la prima pietra davanti ai fotografi prima che sia vietato per l'inizio ufficiale della campagna elettorale, ha finito per coinvolgere loro malgrado i tifosi dell'Alma. Sarebbe stato troppo semplice provvedere per tempo ad un problema noto e sfruttare così la pausa di 5 mesi tra i due campionati, iniziata il 7 Maggio e finita il 30 Settembre, cercando la vetrina elettorale si è finiti per ritrovarsi impantanati nel dilemma: cercare di far partire i lavori al più presto rischiando di non poter giocare al Mancini almeno una giornata, con notevole aggravio di costi per la società dell'Alma, oppure lasciare la tribuna così com'è fino a fine stagione sperando che il tempo sia clemente?

Quello che è certo ed incontestabile, basta guardarsi attorno, è la totale fatiscenza degli impianti sportivi, stadio, piscina, pista Zengarini, solo per citare i principali, con l'aggravio del fatto che lo sport a Fano è stato completamente abbandonato alle singole iniziative di società e persone volenterose.

Alessandro Brandoni






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-01-2019 alle 17:04 sul giornale del 08 gennaio 2019 - 400 letture

In questo articolo si parla di politica, lega, lega fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a25j