Colli al Metauro: scappa all'alt, fuggitivo bloccato e denunciato

03/12/2018 - Sabato 1° dicembre alle ore 18,30 nell’ambito di un controllo territoriale, particolarmente importante in questo periodo dell’anno, gli Agenti della Polizia locale a bordo del veicolo di istituto, notavano nell’area industriale di Via Laghi un veicolo con apposta a tergo una targa prova. La presenza dell’auto, vista la giornata prefestiva e di conseguenza l’assenza di uomini e mezzi nell’area industriale, destava sospetto negli Agenti che decidevano di controllare la vettura ed il conducente.

Acceso il lampeggiante ed affiancato il veicolo al conducente, veniva esibita la “paletta”. Questi, anziché accostare, accelerava tentando di seminare gli Agenti, percorrendo ad altissima velocità tutto il centro abitato con direzione Calcinelli. Dopo aver effettuato alcuni pericolosi contromano, una volta giunto all’incrocio con via Villafranca, il soggetto sorpassava una serie di auto incolonnate al semaforo rischiando anche di provocare un incidente, oltrepassava l’incrocio con semaforo rosso svoltando prima a sinistra e poi su via Trieste.

Gli Agenti che a bordo dell’auto di servizio gli stavano alle costole con lampeggiante e sirene spiegate, notavano il veicolo che rallentava vistosamente fino quasi a fermarsi, accostando sulla destra. Mentre la pattuglia decideva di superare il mezzo e posizionare la macchina di traverso, ad alcuni metri di distanza per sbarrargli la strada, il conducente fuggitivo, aperto lo sportello lato guida, scendeva al volo lasciando l’automobile in corsa e facendo sì che lo stesso andasse a sbattere contro la parte anteriore della vettura della Polizia Locale.

A veicoli fermi, gli Agenti scendevano repentinamente e notando che il soggetto saltato il muro di recinzione, si dava alla fuga a piedi lungo i binari della ferrovia dismessa, senza pensarci su si lanciavano all’inseguimento fino il raggiungimento dell’uomo, risultato poi essere un ventiseienne residente nella zona. Dopo averlo bloccato, lo stesso, veniva tratto in arresto per rispondere dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Preziosa la collaborazione del Luogotenente Pannaccio Comandante della Staz. Carabinieri di Colli al Metauro, prontamente intervenuto dietro richiesta degli Agenti della “Locale”, per le fasi dell’arresto, dell’identificazione e della custodia del soggetto presso la Caserma dei Carabinieri di Fano.

Oltre all’aspetto penale, la Polizia Locale notificava al conducente fuggitivo, verbali per violazione di norme al Codice della strada per oltre € 1.500,00, oltre al ritiro della patente, la decurtazione di 26 punti ed il sequestro del veicolo ai fini della confisca. Il Giudice, nel giudizio per direttissima che si è tenuto questa mattina a Pesaro, ha condannato D. E. a cinque mesi di reclusione, pena sospesa, condizionata a lavori di pubblica utilità.

A nome di tutta l’Amministrazione comunale il Sindaco Aguzzi si complimenta con il Corpo di Polizia Locale, con il Comandante Comm. Valeria Argentati, ed in particolare con il Sov. C. Ballerini Daniele e l’Ag. Donati Ivan che hanno dimostrato abnegazione e senso del dovere nel perseguire le azioni, anche a scapito della propria sicurezza, per rendere più sicuro il territorio a beneficio di tutta la popolazione.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2018 alle 19:06 sul giornale del 04 dicembre 2018 - 4003 letture

In questo articolo si parla di cronaca, colli al metauro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a13X