Impianti termici, ora si risparmia di più e si inquina di meno

2' di lettura Fano 15/11/2018 - Impianti termici, l’attenzione per le emissioni in atmosfera e per il risparmio sui consumi energetici ha raggiunto livelli davvero ragguardevoli a Fano. In base alle stime di rilevazione oltre l’80 per cento di caldaie, pompe di calore e condizionatori presenti nel territorio comunale di Fano è ora in regola con i criteri richiesti dalla legge regionale sull’efficienza energetica, la numero 19 del 2015.

In termini pratici significa: minori spese per famiglie e per le attività economiche, a parità di prestazioni e in condizioni di maggiore sicurezza. Risultati che l’assessore Samuele Mascarin e il presidente di Aset spa, Paolo Reginelli, hanno annunciato, definendoli «molto soddisfacenti», durante il corso di formazione rivolto ai centri di assistenza per gli impianti termici. L’iniziativa, tenutasi ieri e martedì scorso nel Tag Hotel a Bellocchi di Fano, era riservata alle oltre 300 imprese artigiane accreditate sul portale di Aset spa. Nelle due giornate del corso i tecnici della società per i servizi hanno fornito informazioni utili, che permettono ai centri assistenza di utilizzare in modo autonomo il portale di Aset spa, risparmiando tempo e lavoro per gli adempimenti burocratici indicati dalla legge regionale. Un vantaggio operativo, dunque.

Le verifiche periodiche sull’efficienza energetica degli impianti termici «hanno raggiunto un elevato livello di copertura», sottolineavano Mascarin e Reginelli, grazie «alla positiva sinergia tra ufficio comunale Ecologia urbana, Aset spa e associazioni di categoria Ali Claai, Cna e Confartigianato», che hanno contribuito a organizzare il corso e partecipato con loro delegazioni. Fornite dai centri di assistenza le informazioni tecniche che hanno permesso di realizzare una banca dati sugli impianti termici attivi a Fano. Il lavoro è stato completato poco prima dell’iniziativa al Tag Hotel e servirà come riferimento per l’avvio dell’attività di ispezione sugli impianti termici, per accertare che siano stati rispettati sia i criteri regionali dell’efficienza energetica sia le condizioni di sicurezza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2018 alle 22:05 sul giornale del 16 novembre 2018 - 362 letture

In questo articolo si parla di attualità, aset

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1qZ





logoEV