Interpellanza del Centrodestra sulla messa in sicurezza delle ciclabili in viale Kennedy e via Palazzi

07/11/2018 - Interpellanza del Centrodestra sulla questione della messa in sicurezza delle ciclabili in viale Kennedy e via Palazzi. Di seguito il testo completo.

I sottoscritti consiglieri comunali: Luca Serfilippi (Gruppo Indipendente), Marianna Magrini e Gianluca Ilari (Progetto Fano), Davide Delvecchio (Udc – Insieme per Fano), Stefano Mirisola (Gruppo Misto), Lucia Tarsi (Fano Città Ideale)

PREMESSO CHE

Da 10 anni esistono le ciclabili in Via Francesco Palazzi e in Viale Kennedy che sono frequentate ogni giorno da centinaia di famiglie e bambini che le utilizzano per recarsi a scuola o al lavoro;

Le due vie sono molto trafficate, in quanto permettono di evitare Viale Buozzi e Viale Gramsci, pertanto sono utilizzate da migliaia di automobilisti ogni giorno.

DATO ATTO CHE

Condividiamo l’iniziativa “a scuola ci andiamo da soli” e la creazione di nuove piste ciclabili, pertanto apprezziamo la recente asfaltatura della ciclabile di Via Palazzi;

CONSIDERATO CHE

La ciclabile di Via Palazzi, che è anche pista pedonale (come disegnato di nuovo anche qualche giorno fa), non è protetta e si presta ad un rischio altissimo di auto che sfrecciano a velocità elevata lanciandosi dall’ingresso lato via Roma fino al semaforo del Cante di Montevecchio, circa 200/300 metri a folle velocità e a tutte le ore del giorno, compresa la mattina, orario in cui la ciclabile/pedonale è percorsa da tantissimi ragazzi e bambini che vanno a scuola.

VISTO CHE

La ciclabile di via Palazzi è molto utile e di collegamento con viale Kennedy, quindi con le scuole e la zona del mare di ponente, e con il centro storico e con la zona via monte grappa/ospedale, pertanto possiamo considerarla strategica per la nostra città;

VISTO CHE

Molti cittadini, tra i quali l’ex Assessore Alberto Santorelli, ci ha segnalato, che ogni giorno vede ciclisti e pedoni impauriti dalle auto che sfrecciano ad alta velocità, costringendoli a scansarsi a lato quando qualche auto invade la ciclabile;

DATO ATTO CHE

In passato c’erano dei pali che proteggevano le ciclabili e dei cordoli bassi che separavano la corsia di marcia della auto dalla ciclabile, impedendo, di fatto, la possibilità da parte delle autovetture di invadere la corsia di marcia ed entrare nella ciclabile.

VISTO CHE

Con parere n. 6573, del 29 ottobre 2013, il Ministero si occupa della cordolatura delle piste ciclabili, precisando, innanzitutto, che le piste ciclabili possono essere realizzate su corsia riservata ovvero in sede propria, ai sensi dell'art . 4, c. 1, del Decreto ministeriale 30 novembre 1999, n_ 557, "Regolamento recante norme per la definizione delle caratteristiche tecniche delle piste ciclabili".

Le piste ciclabili di cui all'art. 3, c. 1, n. 39), del codice della strada (parte longitudinale della strada, opportunamente delimitata, riservata alla circolazione dei velocipedi), in quanto ricomprese tra le corsie riservate di cui al n. 17) (corsia di marcia destinata alla circolazione esclusiva di una o solo di alcune categorie di veicoli) possono essere delimitate con i delimitatori di corsia, debitamente approvati dal Ministero, previsti all'art. 178, c. 2, 3 e 4, del connesso Regolamento di esecuzione e di attuazione (DPR n. 495/1992), qualora esse abbiano verso concorde all'adiacente corsia di marcia dei veicoli a motore. Qualora invece le piste ciclabili abbiano verso discorde alla adiacente corsia di marcia, ovvero siano realizzate in sede propria, esse devono essere separate fisicamente dalla carreggiata destinata ai veicoli a motore mediante spartitraffico invalicabile largo almeno 50 cm, come prescritto dall'art. 7, c. 4, del DM n. 557/1999. L'altezza del manufatto. non precisata dalla norma, deve essere tale da impedire fisicamente lo scavalco: il Ministero suggerisce quindi una misura minima di almeno 15 cm. Con precedente parere, n. 6075, dell' 8 ottobre 2013, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si occupa della regolarità del cordolo posto a delimitazione di un percorso promiscuo pedonale e ciclabile.

INTERPELLANO IL SINDACO E LA GIUNTA

- per sapere quando e se è prevista l’installazione di protezioni per i ciclisti e i pedoni che percorrono Via Palazzi e Viale Kennedy;

- per sapere se prevedono qualche intervento, anche in collaborazione con la Protezione Civile, per l’attraversamento pedonale su Via Roma, visto che molti ciclisti non scendono nemmeno dalla propria bici e visto che il marciapiede in Via Palazzi è veramente stretto;

- per sapere quando la Polizia Locale inizierà a sanzionare gli automobilisti che percorrono a folle velocità le due vie;

da Luca Serfilippi - Consigliere Comunale Gruppo Indipendente
Lucia Tarsi – Consigliere Comunale Fano Città Ideale
Stefano Mirisola – Gruppo Misto
Davide Delvecchio - Udc
Marianna Magrini – Progetto Fano
Gianluca Ilari – Progetto Fano


da Gruppi di opposizione
Consiglio Comunale di Fano






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-11-2018 alle 11:25 sul giornale del 08 novembre 2018 - 365 letture

In questo articolo si parla di politica, gruppi di opposizione fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZ0b