Trentaduenne travolto dal treno: scatta l'ipotesi del suicidio. Linea adriatica bloccata per due ore

18/10/2018 - Appartiene a un 32enne il corpo ritrovato sui binari tra Fano e Pesaro, all’altezza di Fosso Sejore. I genitori sarebbero già stati in procura per l’identificazione del corpo, rimasto quasi integro. Il cadavere è stato rinvenuto poco prima delle 8 di questa mattina dal personale del treno regionale 12015, che stava viaggiando - con 150 passeggeri a bordo - sulla tratta Rimini-Ancona, e che è rimasto fermo per circa 45 minuti.

Ancora ignote le cause di questa tragedia. Nessun macchinista si è accorto di aver investito qualcuno, per questo non è ancora noto neppure quale sia stato il treno che ha investito il ragazzo. Il giovane – residente a Pesaro - è stato identificato dalla polizia ferroviaria. Sul posto anche 118 e vigili del fuoco.
Sulla linea adriatica circolazione bloccata per circa due ore, dalle 7 55 alle 9 55. Undici i treni coinvolti: tre a lunga percorrenza e tre regionali, che hanno registrato ritardi fino a un’ora. Cinque i regionali limitati nel loro percorso. Nel mentre, erano stati attivati dei bus navetta tra Fano e Pesaro.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano

di Simone Celli
redazione@viverefano.com




Questo è un articolo pubblicato il 18-10-2018 alle 10:09 sul giornale del 19 ottobre 2018 - 9382 letture

In questo articolo si parla di cronaca, treni, fano, redazione, pesaro, fosso sejore, articolo, Simone Celli, investimento treno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZvO