Fano Città dei Bambini, se ci sei batti un colpo…

bambini scuola Fano 13/10/2018 - Fano Città dei Bambini, A scuola ci andiamo da soli… intuizioni importanti per la vita di tutti i cittadini, ormai veri e propri brand della città. Certo come comitato non possiamo che essere contenti di vedere realizzate alcune delle proposte che da anni proponiamo e che, nel maggio 2016, abbiamo cercato di attuare per un giorno nel quartiere Poderino non senza ostacoli e critiche. Quindi grazie per la viabilità sicura attorno alla scuola Nuti e via Piemonte a senso unico…

Ma non eravate contrari ai sensi unici? Ora anche su via Fornace! Peccato per la segnaletica piuttosto inadeguata specie sulla pista ciclabile fantasma…"è importante, serve per collegare quella di Fenile all’interquartieri" e magari a quella dell’Arzilla! Scusate non si era capito… ma quale sicurezza c'è per chi la percorre in bicicletta e a piedi, ogni mattina soprattutto per i ragazzi che vanno a scuola? Non si attraversa bene verso e dall'interquartieri: per andare in direzione dell’area scolastica ci sono solo passaggi pedonali lontani e poco sicuri…(non ce n'è uno per bici dalla ciclabile dell'interquartieri verso Viale Italia, Via Tagliamento, Via Liguria, Via Fanella, né tantomeno ci sono percorsi dedicati su via Basilicata e via Piemonte); ma è chiaro che, permanendo la situazione attuale, con due strettoie una all'inizio ed una alla fine, un po’ a senso unico un po’ a doppio senso, la circolazione ciclo-pedonale su via Fornace mantiene elementi di pericolosità…

Eppure sono anni che chiediamo di realizzare gli attraversamenti verso percorsi protetti e porre limiti di velocità su una strada, come l'interquartieri, estremamente trafficata anche dai tir, rumorosa e inquinante in mezzo al centro abitato. A proposito di attraversamenti dobbiamo dire grazie anche per i lavori presso il Parco delle Rose per connettere finalmente la circolazione ciclo- pedonale di via Trave con via Tagliamento? Soldi ben spesi? Non poteva essere meglio passare con un percorso nel verde del parco adiacente anziché su una strada parcheggio a doppio senso? Magari cominciando così a riqualificarlo dopo anni di abbandono, e da lì muoversi poi in maniera altrettanto sicura su un percorso dedicato a pedoni e ciclisti da realizzarsi su via Tagliamento, magari da trasformarsi a senso unico, fino ad innestarsi su via Piemonte dove è stato già finalmente realizzato il percorso dedicato su senso unico (!)… insomma grazie di tanti interventi, magari solo “ovviamente sperimentali” come dichiarato dall’assessore Fanesi perché si possa sempre pensare al tutto come perfettibile! Ancora una volta, nella foga di attuare misure attese e di buon senso, l’amministrazione è incappata nel pressapochismo, nella logica del “facciamo e poi vediamo se funziona”…e alla fine concludere che comunque “è meglio di niente”…

Eppure ci sono stati anni di “tavoli sulla mobilità”, di proposte, di lettere, incontri e resoconti… è evidente che il desiderio da noi espresso pubblicamente anche lo scorso anno affinché “l’amministrazione metta in campo dei progetti concreti, coraggiosi e a lungo respiro per attuare anche nella nostra città un modello di mobilità sostenibile a beneficio di tutti i cittadini specie quelli più deboli (vedi Fano Città dei Bambini)” rimane disatteso. Dobbiamo ancora una volta denunciare (come tre anni fa) tante contraddizioni, la grave assenza di un Piano Urbano del Traffico complessivo e soprattutto il mancato ascolto dei cittadini. Si, d’accordo a scuola da soli, ma non al decidere da soli su questioni che riguardano tutti… Le lamentele dei cittadini di Rosciano e Bellocchi purtroppo lo confermano ancora una volta… ascolto, partecipazione, confronto preventivo con i cittadini sono sicuramente il valore aggiunto di cui mancano queste iniziative… Sarà così per le opere compensative che riporteranno il traffico da Belgatto proprio su queste strade? Occorre che ci si prepari bene per la messa in esercizio di questa nuova e incompleta rete stradale con un serio progetto che coinvolga le aree attraversate dall’interquartieri e soprattutto il quartiere Poderino, riproponendo con forza l’idea di Fano Città dei Bambini e delle Bambine.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-10-2018 alle 18:44 sul giornale del 15 ottobre 2018 - 463 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, bambini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZmh