“Questa non è vita, non ce la faccio più”: suicidio all’Hotel Angela, ecco il biglietto di scuse lasciato in stanza

Fano 03/10/2018 - Aveva l’aria assente, come fosse perso tra i suoi stessi pensieri. Era apparso così, al titolare dell’Hotel Angela, l’uomo che nella notte tra domenica e lunedì si è tolto la vita gettandosi dal terzo piano della struttura. Un salto dal balcone, con il chiaro intento di farla finita. Le ragioni del gesto sono scritte su un biglietto trovato dalla polizia.

“Questa non è vita, non ce la faccio più”: sono queste le parole riportate sul pezzo di carta appoggiato sulla scrivania della camera. L’uomo – un milanese sposato di 69 anni – si è congedato così, con un biglietto attraverso cui sembra aver voluto chiedere scusa. E una frase che lascia intendere quanto fosse profondo il disagio personale dell’uomo, sulle cui effettive motivazioni si dovrà ora andare a fondo.


Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano





Questo è un articolo pubblicato il 03-10-2018 alle 18:50 sul giornale del 04 ottobre 2018 - 4080 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, suicidio, redazione, sassonia, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aY11





logoEV