Ladri-vandali a Sant’Orso: vetri rotti e auto ripulite. Derubata Barbara Marcolini di Confcommercio [FOTO]

25/09/2018 - Due auto. I vetri sfondati. E poi lo zaino, i documenti, il computer portatile e il tablet spariti nel nulla. La scorsa notte, i ladri hanno fatto razzia in zona Sant’Orso. Hanno preso di mira le auto della presidente di Confcommercio Barbara Marcolini e quella di suo marito. Un doppio colpo ai danni della stessa famiglia. Forse una coincidenza, o forse no.

La coppia se n’è accorta al risveglio. Prima ha notato i vetri distrutti di una delle due vetture, poi ha subito fatto la conta degli oggetti mancanti. “Alle 7 30 – ha raccontato la Marcolini - ho accompagnato mio figlio alla fermata del tram. È in quel momento che mi sono accorta che l’auto di mio marito, parcheggiata di fronte al garage di casa, aveva tre vetri rotti, i due grandi più uno di quelli piccoli”. Così i ladri hanno “aperto” la Golf dell’uomo, per poi portare via uno zaino con dentro un iPad. Ma non è finita qui. La Marcolini e suo marito hanno subito chiamato la polizia per un sopralluogo, ignari del fatto che anche la Fiat 500X della presidente di Confcommercio fosse stata presa di mira dai malviventi.

Era posteggiata in un parcheggio non lontano da casa. Impossibile notare l’accaduto da dentro l’abitazione: la visuale non lo permetteva. Soltanto una volta raggiunta l’auto, la Marcolini ha constatato la seconda amara sorpresa. Lì per lì non è riuscita ad aprire la vettura: era stata forzata, oltre che rigata sulle portiere. Ma – soprattutto – i ladri avevano rotto il vetro anteriore, quello sul lato guida. Poi avevano frugato dentro e portato via un computer portatile insieme ad alcuni documenti.

“La situazione è diventata insostenibile. A Sant’Orso non ci sentiamo più sicuri nemmeno in casa. Da me ho fatto installare delle serrande in ferro, perché anni fa sono entrati dei malintenzionati mentre stavamo dormendo”. Questo lo sfogo della Marcolini, che ha raccontato quanto, nella zona, siano frequenti certi episodi. “Anche i miei vicini, in passato, si sono trovati la macchina rigata o bozzata. E ora ho denunciato pubblicamente quanto è accaduto a me e alla mia famiglia per sensibilizzare chi di dovere. Non mi compete sapere come – ha aggiunto la presidente di Confcommercio -, ma so che bisogna investire di più sulla sicurezza. Capisco i problemi di personale delle forze dell’ordine, ma servono più controlli. O si installano delle telecamere o si mandano più uomini. Ad esempio, non so bene che gente giri qui nel campetto da basket di fianco ala superstrada. Magari non c’entrano nulla con certi fatti, ma so che lì qualcuno ha rotto sia le panchine sia la pavimentazione. Però non è un problema limitato a Sant’Orso. La questione riguarda anche quartieri come il Vallato e San Lazzaro”.

Intanto, la strana coincidenza della scorsa notte rimane un rebus. “Ci hanno distrutto e ripulito due macchine nella stessa serata. Non voglio pensare sia una cosa voluta – ha concluso la Marcolini -, ma il fatto che abbiano colpito due auto dello stesso nucleo familiare resta una cosa alquanto strana”.

Ecco alcune foto relative a quanto accaduto.


di Simone Celli
redazione@viverefano.com






Questo è un articolo pubblicato il 25-09-2018 alle 18:50 sul giornale del 26 settembre 2018 - 2381 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, ladri, redazione, vandali, sant'orso, articolo, Simone Celli, Barbara Marcolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYJF





logoEV