Fondi Lega: accordo tra Procura e partito per il rientro graduale dei 49 milioni di euro

18/09/2018 - La Procura di Genova e gli avvocati della Lega hanno raggiunto martedì un accordo per la graduale restituzione allo Stato dei 49 milioni di euro posti sotto sequestro dalla magistratura.

L'accordo prevede il versamento di 600mila euro all'anno, frutto dei versamenti dei parlamentari, delle donazioni degli iscritti, del finanziamento pubblico del 2 per mille e in caso di necessità dell'affitto di parte dei locali della storica sede del partito in via Bellerio a Milano. Inoltre è stato stabilito che la rata da versare ogni anno aumenterà proporzionalmente nel caso in cui gli introiti del partito dovessero crescere.

I 49 milioni di euro sono i fondi che la Lega ha ottenuto con i rimborsi elettorali nel periodo 2008-2010. Secondo i magistrati parte di quei fondi furono utilizzati illegalmente dalla famiglia di Umberto Bossi e dai suoi collaboratori per investimenti e spese personali.

Nel luglio 2017 il tribunale di Genova aveva condannato per truffa ai danni dello Stato l'allora segretario della Lega Nord Umberto Bossi, l’ex tesoriere Francesco Belsito e altri tre dipendenti del partito. Contestualmente il tribunale aveva deciso il sequestro dei 49 milioni a titolo di risarcimento per i rimborsi pubblici ingiustamente utilizzati. Dato che nei conti della Lega erano stati trovati solo 2 milioni di euro, la Procura aveva successivamente chiesto e ottenuto il sequestro preventivo delle somme che sarebbero entrate in futuro nelle casse del partito fino al raggiungimento dei 49 milioni.

Sempre a Genova è stata avviata nel frattempo un'indagine per riciclaggio sui fondi scomparsi dai conti del partito, sulla base di segnalazioni di manovre finanziarie sospette arrivate dalle autorità del Lussemburgo.





Questo è un articolo pubblicato il 18-09-2018 alle 16:54 sul giornale del 19 settembre 2018 - 642 letture

In questo articolo si parla di attualità, genova, lega, marco vitaloni, rimborsi elettorali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYuN





logoEV