Il dramma di Daniela, morta nel sonno a 36 anni: oggi l’autopsia

Fano 12/09/2018 - Una ragazza in salute, e che lavorava per la salute degli altri. Eppure, ieri mattina, Daniela non si è più svegliata. Se n’è andata nel sonno, e non è ancora chiaro come sia potuto succedere. Sarà l’autopsia – prevista per oggi presso l’ospedale di Fano – a cercare di dare una spiegazione alla tragica morte di questa giovane donna di Marotta che aveva compiuto 36 anni lo scorso aprile. Un fatto che ha sconvolto un’intera comunità.

“Siamo shockate”, ha raccontato una ragazza a nome di tutto il gruppo di amiche. D’altronde si è trattato di un vero e proprio fulmine a ciel sereno. Per via del suo lavoro, Daniela Leporoni si sottoponeva a controlli periodici. Sulla carta, dunque, avrebbe dovuto avere una salute di ferro. Lavorava come impiegata per il Consorzio della Croce Rossa di Marotta, ed era anche volontaria della stessa Croce Rossa. Aveva a cuore la salute degli altri. Era solare, sorridente, buona limpida. Così la ricordano i colleghi, anche loro impossibilitati a darsi pace. Tanti i messaggi di affetto anche su Facebook, per lei e per la sua famiglia.

Già, la famiglia. È stata proprio sua madre ad accorgersi per prima di quanto accaduto. È stata lei a cercare di ridestarla mentre la sveglia suonava inutilmente. Il 118 è accorso subito nella sua casa di via Lombardia, a Marotta. Erano le 8, ma Daniela, forse, se n’era andata già da almeno un’ora. Si pensa a una morte per cause naturali, ma senza l’autopsia non c’è ancora nulla di scritto. Soltanto così si avrà un verdetto definitivo su cosa l’abbia strappata ai suoi cari.


di Simone Celli
redazione@viverefano.com






Questo è un articolo pubblicato il 12-09-2018 alle 13:42 sul giornale del 13 settembre 2018 - 8336 letture

In questo articolo si parla di cronaca, mondolfo, marotta, redazione, articolo, Simone Celli, Daniela Leporoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYi4