Carta nella plastica e plastica nella carta: rabbia e differenziata “naif” in località Cannelle

Fano 29/08/2018 - Storie di ordinario degrado. Che si ripetono, ciclicamente, come fossimo lontani dalla civiltà. Invece siamo a Fano, in località Cannelle, dove le isole ecologiche vengono lasciate sporche da chissà chi. A segnalarlo è Fabrizio Monaldi, un nostro lettore stanco di questa situazione che sembra non avere fine. Il problema è anche la stessa raccolta differenziata: basti pensare al cassonetto della carta, spesso pieno anche di plastica e altro. Televisori e impianti stereo, ad esempio.

Tutto questo accade in via Vittime di Nassiriya. Ci sono residenti che, per disfarsi della carta da riciclare, sono costretti ad andare fino a Falcineto. Ci vanno dopo il lavoro, come se fosse una cosa normale. Ma sanno che non lo è, per questo c’è già chi ha contatto l’Aset chiedendo l’intervento di un ispettore ambientale.

“Me la prendo con la maleducazione della gente – ha detto Monaldi -. Gettare negli stessi cassonetti qualsiasi tipo di rifiuto fa sì che si riempiano prima del previsto”. Ed è impressionante la varietà d’immondizia che è possibile trovare nei contenitori della differenziata. “Un anno fa – ha concluso il nostro lettore esasperato - ho trovato un apparecchio elettrico nel cassonetto della carta, non ricordo se una piccola tv oppure uno stereo”.








Questo è un articolo pubblicato il 29-08-2018 alle 15:23 sul giornale del 30 agosto 2018 - 1187 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, rifiuti, raccolta differenziata, redazione, articolo, Simone Celli, cannelle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXSm





logoEV