L’aeroporto vola già nel futuro: in arrivo pacchetti per turisti, una grande scuola e iniziative per i disabili

08/08/2018 - Cent’anni e non sentirli. La nuova stagione dell’aeroporto di Fano passa per l’unione d’intenti di tutti gli operatori aeroportuali. Insieme bramano il rilancio di una struttura dalle potenzialità enormi in cui - finalmente – si respira un clima disteso e costruttivo. L’ideale per far germogliare dei progetti e attuare uno sviluppo che affondi le radici nella sana passione per il volo.

Non è un caso che la Pilatus abbia scelto proprio Fano per i test del suo bireattore PC24, e non è un caso che le celebrazioni per il centenario - che termineranno a settembre - abbiano riscosso un enorme successo di pubblico grazie anche al sostegno dell’Aeronautica Militare, sempre presente anche durante le Giornate di cultura aeronautica di marzo che hanno portato in volo oltre 250 ragazzi. Ora è il tempo di mettere in pratica un vero e proprio piano di sviluppo, che tenga anche conto della rivoluzione della viabilità della zona e la nuova piscina d prossima realizzazione. Si tratta di un progetto condiviso da Società Aeroportuale Fanum Fortunae, Eagles Aviation Academy, Aero Club Fano, Alimarche Skydive Fano, Ristorante Barone Rosso, Aerobatics 27 e Yak Italia. Realtà ora racchiuse in un “corpo” solo. Si chiama Gruppo Aeroportuale, e lo si riconosce dal nuovo logo disegnato da Paolo Picchi. Un simbolo che racchiude i tratti distintivi del territorio - l’azzurro del cielo, il verde delle colline, il blu del mare, la storia romana e due bambini -, e che verrà apposto sull’abbigliamento di tutti gli operatori.

Alla presidenza del Gruppo Aeroportuale c’è l’imprenditore Massimo Berloni, che metterà la sua esperienza a disposizione di un progetto ambizioso ma concreto. In primo luogo ci si adopererà per l’implementazione dei voli turistici, business e da diporto. Si lavorerà per rendere l’aeroporto di Fano sempre più conosciuto, meta dell’avioturismo ma anche al servizio della città. Tra le altre proposte pure pacchetti turistici per ristoranti, strutture ricettive, cantine e musei che rendano indimenticabile la permanenza degli avioturisti. Prevista anche la realizzazione di un distributore self-service di benzina verde per i piccoli aerei, oltre a una serie di soluzioni ecologiche per favorire la mobilità di chi arriva volando. In altre parole, ci si potrà muovere in bici - o con delle auto elettriche - direttamente dall’aeroporto. Verrà aperto anche un nuovo punto vendita di prodotti locali, e verranno incrementati anche i servizi di ristorazione e bar.

La scuola di volo è un altro nodo cruciale. Oggi c’è una grande richiesta di piloti di linea: si stima che nei prossimi vent’anni saranno necessari almeno 790mila nuovi comandanti. Il progetto di rilancio dell’aeroporto fanese prevede, dunque, anche l’apertura di un istituto tecnico aeronautico statale, in collaborazione con l’istituto professionale Don Luigi Orione e il liceo scientifico Torelli. L’obiettivo è anche quello di creare un vero e proprio villaggio-accademia per allievi piloti che vogliono costruirsi un futuro in aeronautica.

Al centro del rilancio anche proposte per i diversamente abili, per dare loro la possibilità di vivere le attività dell’aeroporto e di provare l’ebrezza del volo, del lancio con il paracadute e non solo. Fano e il suo aeroporto saranno i primi a livello nazionale a proporre eventi di questo tipo. Ma il prestigio dello scalo fanese è evidente anche dal tenore dei prossimi appuntamenti. Il primo – in ordine cronologico – sarà il “raid aereo” Fano-Rastatt del 12 e 13 agosto, a cui prenderanno parte sette velivoli per un totale di diciassette persone – sindaco compreso – che voleranno verso l’aeroporto tedesco per creare un nuovo ponte di amicizia tra le due comunità. “Cortesia” che poi, il prossimo anno, verrà ricambiata dall’Aero Club di Rastatt Luftsportgruppe. L’8 e il 9 settembre sarà invece la volta del Raduno Nazionale del Club Aviazione Popolare. Sono attesi circa cento aeroplani da tutta Italia. Infine, il 22 settembre sarà il giorno di Paradrenalina. Sulla scia della giornata “Volare senza barriere” del 2017, l’Aero Club Fano organizzerà una giornata speciale con prove di volo alla portata di tutti. Sarà possibile anche lanciarsi dal paracadute e persino fare in giro su un’automobile da corsa. L’idea è quella di dar vita a una grande festa capace di azzerare ogni differenza.


di Simone Celli
redazione@viverefano.com






Questo è un articolo pubblicato il 08-08-2018 alle 16:07 sul giornale del 09 agosto 2018 - 649 letture

In questo articolo si parla di disabili, attualità, fano, redazione, aeroporto, aeroporto di fano, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXnI