10° anniversario IAI: le Marche al centro della macroregione

Fano 20/06/2018 - Si è celebrato ieri sera alla Cittadella di Ancona il decimo anniversario della apertura del Segretariato Permanente dell’Iniziativa Adriatico Ionica. Si tratta del Segretariato dei Governi che dal 2000, con la Carta di Ancona, si sono impegnati a costruire un percorso di pace , collaborazione e solidarietà in un’area che era stata fino a pochissimi anni prima, teatro di uno scontro fratricida drammatico.

Dopo i primi anni di cooperazione, la necessità di un punto di raccordo e di coordinamento politico-diplomatico delle varie attività fu riconosciuto dai Ministri degli Esteri riuniti a Sarajevo nel maggio del 2007, con la decisione di creare l'anno seguente ( ancora ad Ancona ) il Segretariato Permanente aperto, appunto, dieci anni or sono.
La scelta di Ancona e delle Marche fu naturale e rese omaggio a quanto la Regione ed i marchigiani tutti avevano fatto a favore delle popolazioni colpite nel corso dei terribili eventi che avevano martoriato i Balcani negli anni trascorsi.

La Regione concesse i suggestivi locali della Cittadella ed assieme al Governo italiano, alla Università Politecnica, alla Camera di Commercio ed al Comune di Ancona costituì la Fondazione che permette, ancora oggi, al Segretariato di operare, con soddisfazione dei Partners internazionali.

Sempre le Marche ed il suo capoluogo sono stati testimoni in seguito degli sviluppi più significativi di questa cooperazione intergovernativa: dalla riunione dei Ministri degli Esteri del 2010, che ha aperto la strada alla creazione della Strategia Europea per l’ Adriatico e lo Ionio, al primo Governing Board, gennaio 2016 (organo centrale di coordinamento della stessa), fino alla più recente riunione dello stesso nel mese d'ottobre 2017 ancora ad Ancona.
La Strategia ha prodotto i suoi frutti finanziando già progetti di collaborazione nei campi della “blue economy “, della difesa dell’ambiente , delle comunicazioni e del turismo e della cultura, agendo sulla linea dei quattro “Pilastri” sui quali si sviluppa.

È una attività, questa, in pieno svolgimento e che mostra, una vivacità e attrattività da tutti riconosciuta.

Più che le parole, dicono però i fatti: proprio poche settimane fa, a Catania, concludendo l’anno di Presidenza italiana, i Ministri degli Esteri hanno accolto la richiesta della ex Repubblica jugoslava della Macedonia di divenire il nono membro della IAI e di iniziare immediatamente il cammino per ottenere al più presto dal Consiglio Europeo anche l’invito a partecipare alla Strategia macro regionale europea.

Dieci anni quindi, pieni di lavoro e fruttuosi, ai quali le Marche ed i marchigiani possono guardare con un senso di soddisfazione e di orgoglio.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2018 alle 12:11 sul giornale del 21 giugno 2018 - 231 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVNN