Cartoceto: Valmex premiata allo Smau per i contenuti di innovazione

11/06/2018 - Lo stabilimento iperconnesso di Valmex, inaugurato nel 2017, il più moderno dei tre dell’azienda di Lucrezia di Cartoceto (PU), è stato premiato allo Smau perché esempio di innovazione applicata in grado di creare nuove opportunità di sviluppo, ottimizzare la produzione e accrescere la qualità dei prodotti.

“Una grande soddisfazione poter raccontare i nostri investimenti in robotica, automazione ad una platea internazionale di imprenditori e manager che si occupano di innovazione – commenta il fondatore e presidente Severino Capodagli -. Oggi siamo un’azienda modello, con un sito produttivo, quello dove si produce Circond, che ci permette di avere traccia di ogni singolo componente utilizzato”. Un progetto concreto di Industria 4.0, “che nei prossimi mesi interesserà, con nuovi investimenti per circa 10 milioni anche gli altri due nostri siti produttivi”. Del resto, l’azienda si è sempre caratterizzata per significativi investimenti in ricerca e sviluppo: l’area r&d è dotata di un moderno laboratorio dedicato alle prove tecniche per verificare le caratteristiche dei diversi prodotti e impiega 15 progettisti.

Circond è una cella a condensazione per caldaie murali a gas, un prodotto in acciaio inox a elevato valore tecnologico per il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni in atmosfera. “Avevamo una priorità – spiega Capodagli -: far sì che fosse un prodotto tracciabile, perché ci consente di seguire un iter trasparente e fornire dati verificabili e certificati. È una garanzia assoluta per i nostri clienti, ma anche per Valmex, in quanto ci permette di monitorare in tempo reale ad esempio la temperatura media dei forni o di ricevere alert in caso di malfunzionamento della linea di produzione”.

“Ci siamo affidati a un sistema informatico distribuito per il controllo elettronico dei sistemi fisici – spiega Stefano Zannini, responsabile IT di Valmex – e a un software estremamente flessibile, grazie al quale possiamo disporre in tempo reale di un’enorme quantità di dati, in lettura e scrittura”.

“Una profonda trasformazione”, la definisce Capodagli, i cui benefici “sono sotto gli occhi di tutti”. C’è un altro tema che sta a cuore al presidente di Valmex: “Le preoccupazioni di una contrazione della forza lavoro legata all’introduzione delle nuove tecnologie sono state spazzate via: siamo in una fase espansiva e, nei prossimi mesi, abbiamo in programma nuove assunzioni”.

Valmex oggi conta 350 addetti e, nel 2017, ha fatturato 70 milioni di euro, con una previsione di crescita del 30% nel 2018: si è affermata come realtà leader nella produzione di scambiatori di calore per caldaie, in rame o alluminio, destinati soprattutto all’estero, con Turchia, EU e Cina primi tre mercati di sbocco. “I dazi americani sull’alluminio al momento non ci preoccupano direttamente – conclude Capodagli - perché non prevedo, nel medio periodo, significativi aumenti del prezzo della materia prima a meno di operazioni speculative. Certamente è un tema che va affrontato collegialmente a Bruxelles, evitando che la reciprocità di questi provvedimenti restrittivi finisca per avere un impatto sulle economie di tutti i Paesi europei”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-06-2018 alle 11:25 sul giornale del 12 giugno 2018 - 879 letture

In questo articolo si parla di attualità, cartoceto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVue