Aggressione contro i poliziotti a Torrette di Fano: i due moldavi sono già in libertà

Tribunale Pesaro 15/05/2018 - Hanno patteggiato i due moldavi con cittadinanza rumena che la notte tra sabato e domenica avevano aggredito degli agenti di polizia a Torrette di Fano. La vicenda si è conclusa con il processo per direttissima tenutosi lunedì 14 maggio presso il tribunale di Pesaro. La loro pena è stata dunque sospesa.

I due erano stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale, dopo esser stati invitati a smettere di disturbare i residenti della zona. Si trovavano nel pressi di un condominio insieme a un gruppo di connazionali. La musica a tutto volume da una delle loro auto, poi gli schiamazzi. I residenti avevano chiamato la polizia, ma i due non avevano gradito l’intervento degli agenti, così si erano scagliati contro di loro prendendoli a spintoni e a schiaffi semplicemente perché avevano chiesto loro di mostrare i documenti.

LEGGI LA CRONACA DELL’AGGRESSIONE

Il risultato: graffi e solchi profondi sul braccio di uno dei poliziotti, con tanto di maglia strappata. Da lì l’arresto. I moldavi erano poi stati condotti in commissariato in attesa del processo, conclusosi con il patteggiamento e con la sospensione della pena. L’episodio ha provocato la reazione del Suilp - il sindacato dei lavoratori di polizia - secondo cui “minacciare e ferire le forze dell'ordine significa minacciare e ferire lo Stato”. A detta del sindacato, “la politica deve urgentemente intervenire sul piano legislativo”.

LEGGI L’APPELLO DEL SUILP

L’indignazione dei lavoratori di polizia deriva anche – ma non solo - dall’esito dell’episodio di Torrette di Fano. “Nonostante uno dei due appena l'anno scorso avesse commesso lo stesso reato, aggredendo una pattuglia dei carabinieri che era stata poi costretta a chiedere l'ausilio di una volante della polizia, i protagonisti dei fatti di Torrette sono stati processati con rito direttissimo e condannati a quattro mesi di reclusione. Ma – conclude la nota -, come purtroppo prevede l'attuale codice penale, sono stati lasciati immediatamente liberi”.


di Simone Celli
redazione@viverefano.com




Questo è un articolo pubblicato il 15-05-2018 alle 01:28 sul giornale del 16 maggio 2018 - 2330 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, fano, redazione, torrette di fano, articolo, Simone Celli, Suilp

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aUxE