Fano Jazz by the sea: presentata l'edizione 2018

12/04/2018 - Tagliato lo scorso anno il nastro della XXV edizione, Fano Jazz By The Sea continua il suo percorso con la consapevolezza dei traguardi e risultati raggiunti, e altri da raggiungere, facendo tesoro della straordinaria esperienza maturata in tutti questi anni dal Festival.

Un Festival che ha saputo connotarsi con una precisa identità ben riconoscibile, forte di una linea “artistica –produttiva” personale, originale, capace di attrarre come testimoniano gli stessi dati dello scorso anno, un pubblico proveniente da ogni parte d’Italia e dall’estero. L’obbiettivo che Fano Jazz By The Sea persegue è “imporre”, con sempre maggior efficacia, il festival come evento di alta qualità sia nella proposta artistica sia nei suoi aspetti organizzativi. Fano Jazz By The Sea è un evento culturale, ma anche “popolare”, di divertimento, d’intrattenimento, il cui scopo è favorire il turismo culturale esperienziale. Anche per la XXVI edizione il Festival offrirà dunque un nutrito cartellone di eventi organizzati da Fano Jazz Network in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Fano, con la Direzione Artistica di Adriano Pedini, con il contributo del Ministero delle Attività Culturali MIBACT e il sostegno di altre Istituzioni regionali e di sponsor privati.

Con la convinzione che ogni contenuto culturale, per essere ben valorizzato, necessita di una cornice ambientale adeguata, il Festival sarà riproposto in quella che ne è diventata la sede naturale e definitiva: la Rocca Malatestiana. La Rocca sarà utilizzata in ogni suo angolo, mentre nei giardini antistanti avrà sede quella che è stata la grande novità della passata edizione: il Jazz Village, cuore pulsante del Festival con il suo particolarissimo allestimento Green, grazie alla collaborazione con Centro Legno. Il Jazz Village sarà, ancor più dello scorso anno, uno spazio libero, con concerti tutti gratuiti, WiFi, Acqua Free in collaborazione con Aset s.p.a., ma anche attività di formazione, con laboratori didattici per bambini, Food & Jazz, Jazz & Wine , in collaborazione con le Aziende vitivinicole del territorio, Beer Stand con la presenza dello sponsor Hineken, esibizioni di orchestre giovanili, conversazioni con giornalisti ed esperti del settore, appuntamenti ‘round midnight, info point, Green Corner, Istallazioni Artistiche.

Un vero e proprio “salotto jazz” della Città. Fano Jazz By The Sea 2018 si svolgerà dal 21 al 29 luglio, con due significativi special event a Gradara il 13 e 14 luglio, rispettivamente con il duo formato dalla pianista cubana Marialy Pacheco e dal trombettista tedesco Joo Kraus e con il Tingvall Trio, oggi affermata formazione che proprio a Fano fece nel 2010 il proprio debutto italiano. Tanti gli altri ospiti internazionali che dal 21 al 28 luglio si alterneranno sul MainStage allestito per all’interno della Rocca Malatestiana, ad iniziare da due fra i pianisti più in vista del panorama jazzistico internazionale, Brad Mehldau, atteso col suo abituale trio la sera di sabato 21, e Vijay Iyer, vincitore del “Top Jazz 2017” del mensile Musica Jazz nelle categorie riservate all’artista, al gruppo (lo stesso che si ascolterà a Fano domenica 22) e al disco dell’anno. Lunedì 23 i riflettori saranno quindi puntati sulla band di una delle star del basso elettrico e di tutta la musica fusion, Stanley Clarke, mentre per la sera successiva è previsto il ritorno di un beniamino del pubblico di Fano Jazz By The Sea, Paolo Fresu, che questa volta si proporrà alla guida del Devil Quartet, gruppo con il quale il trombettista sardo ha registrato il suo ultimo album, Carpe Diem.

Altro graditissimo ritorno sarà quello di Dee Dee Bridgewater: la regina del canto jazz sarà alla Rocca Malatestiana mercoledì 25, presentando nell’occasione il suo progetto Memphis, sentito omaggio alla città che le ha dato i natali e che rappresenta una delle culle della musica nera, dal soul al rhythm ‘n’ blues (ma anche il rock ‘n’ roll di Elvis Presley). Gli stessi suoni che hanno fatto da background a una delle nuove stelle del firmamento sassofonistico mondiale, James Brandon Lewis, che con il gruppo si esibirà la sera di giovedì 26. Gli ultimi due appuntamenti alla Rocca Malatestiana avranno come protagonisti il celebre chitarrista Bill Frisell, con un progetto dedicato a famose musiche da film, e i GoGo Penguin, trio di Manchester che sta spopolando fra i giovani con la sua miscela di jazz e sonorità elettroniche. La XXVI edizione di Fano Jazz By The Sea si concluderà, come avviene ormai da parecchi anni, sul prato della Golena del Furlo di Acqualagna, domenica 29 luglio: sarà una vera e propria festa animata quest’anno dall’africano Ba Cissoko, definito il “Jimi Hendrix della kora” Il programma artistico sarà ancora una volta arricchito da Sezioni Speciali, con un’attenzione particolare ai giovani musicisti, che avranno così l’opportunità di presentare propri progetti segnati dalla ricerca e dalla sperimentazione ed innovazione, e alla riflessione sull’attualità di un drammatico tema sociale come la migrazione.

Ecco dunque: Young Stage, con concerti, a seguite l’evento principale, di giovani talenti già affermati o in via di affermazione a livello nazionale, in programma da lunedì 23 nella suggestiva cornice della Rocchetta; Exodus Stage, ovvero “Gli echi della migrazione”, rassegna di solo performance previste nel tardo pomeriggio alla Pinacoteca San Domenico (dal 23 al 28 luglio). Numerosissimi gli eventi collaterali, molto più che un semplice corollario al programma principale: “Jazz in ONda”, “Arte & Jazz performing”, per la prima volta utilizzando la splendida chiesa di San Pietro in Valle, “Narrazioni in Jazz - Dialoghi e Racconti”, in collaborazione con “Premio e Giornate di Letteraria”, “Concerti all’Alba”, Itinerari turistici enogastronomici a cura di TuquiTour, Fano Jazz Bike The Sea, in collaborazione con l’Associazione “For-Bici Fano FIAB”. Fano Jazz By The Sea sposa apertamente e con convinzione la causa della sostenibilità e dell’ecologia: lo scopo è quello di farsi interprete della valorizzazione, promozione e diffusione del patrimonio artistico-culturale, ambientale, paesaggistico ed enogastronomico in chiave sostenibile.

Per realizzare tutto ciò, e consolidare lo stretto rapporto con il territorio e la Città, Fano Jazz By The Sea ha attivato una fitta rete di collaborazioni con Omnia Comunicazione, che ha curato la nuova immagine del festival e gli allestimenti del Jazz Village, Tuquitour, Enjoylive Travel, Università degli Studi di Urbino - Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche dell'Università di Urbino Carlo Bo, Associazione Musaico Musicale, Liceo Artistico Apolloni di Fano, Conservatorio G. Rossini di Pesaro, Liceo Musicale Marconi di Pesaro, Liceo Musicale Rinaldini di Ancona, Premio e Giornate di Letteraria, Associazione Centro Itaca-Cooperativa Crescere di Fano, Collettivo VolaV, Associazioni che praticano la sostenibilità, Operatori del volontariato Auser, Associazione Vivere Verde Onlus, Locali del Centro Storico, Lungomare Lido e Sassonia. I prezzi dei biglietti rimangono sempre calmierati: per favorire una sempre più ampia partecipazione di pubblico, verranno applicati sconti e promozioni rivolti in particolare ai giovani (18App, Under 25, Porta un amico con l’aggiunta di un solo euro).

Informazioni: Botteghino del Teatro della Fortuna Orari: mercoledì al sabato dalle 17.30 alle 19.30 - tel. 0721 800750 il mercoledì ed il sabato anche dalle 10.30 alle 12.30 Fano Jazz Network Cell. e whatsapp 3886464241 – Tel. 0721 584321 Email: info@fanojazznetwork.org





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-04-2018 alle 17:51 sul giornale del 13 aprile 2018 - 522 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Fano Jazz by the sea, fano jazz

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTxG