Belgatto, trovati resti romani. Stop agli scavi per le opere compensative

1' di lettura Fano 15/02/2018 - La storia si ripete. Anzi, ritorna. Non è la prima volta che i cantieri di Fano e dintorni si devono fermare nel rispetto del passato. Ed è successo di nuovo: stop agli scavi in zona Belgatto per le opere compensative, a causa del ritrovamento di alcuni reperti archeologici ancora tutti da analizzare.

Non si sa ancora bene di cosa si tratti, né quale sia il loro valore, ma una cosa è certa: sono resti romani. Per questo gli interventi all’altezza della pista ciclabile Fano-Fenile – in prossimità dell’inizio – hanno subito una battuta d’arresto in attesa di saperne di più.

E mentre il cantiere si è fermato per ragioni precauzionali, la soprintendenza è già all’opera con i sopralluoghi del caso. Verranno portati a termine anche tutti gli approfondimenti necessari per fare luce sulla natura di quanto trovato.






Questo è un articolo pubblicato il 15-02-2018 alle 22:52 sul giornale del 16 febbraio 2018 - 2150 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, belgatto, OPERE COMPENSATIVE, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRJI