Rugby: vincere e sperare, l'ultima chiamata per i play off

11/01/2018 - Una partita ancora da giocare quella di venerdì 12 gennaio, 80 minuti in cui si deciderà il destino di quattro delle sei squadre del girone ma, soprattutto, la voglia di iniziare il 2018 così com’era finito il 2017, ovvero dando dimostrazione di forza e possibilmente vincendo.

In casa Fano Rugby si ritorna a respirare aria di partita vera e quella che domenica alle 14.30 andrà in scena al Falcone-Borsellino sarà la classica partita spartiacque per determinare se la seconda fase del campionato si giocherà nella poule promozione per salire in B o nella poule retrocessione per non scendere in C2.

La classifica, alla vigilia della decima giornata, recita così: Jesi 29, Polisportiva Abruzzo 27, Macerata e San Benedetto 23, Fano 18, Gran Sasso 4. Gli unici verdetti ufficiali pertanto sono Jesi ai play off e Gran Sasso ai play out, per le altre quattro squadre sarà determinante l’ultimo match che prevede due scontri diretti da brividi: Macerata-Pol. Abruzzo e Fano-San Benedetto.

La fiammella della speranza play off è ancora accesa per i ragazzi del presidente Giorgio Brunacci che per raggiungere la terza piazza, l’ultima utile, dovranno battere il San Benedetto con più di 7 punti di scarto per ottenere così 5 punti in classifica e sperare che Macerata cada in casa con la Polisportiva Abruzzo, sempre con più di 7 punti di scarto.

A quel punto Fano, Macerata e San Benedetto avrebbero tutte 23 punti e si passerebbe al conteggio della differenza punti che dovrebbe sorridere proprio ai fanesi. Prima di prendere la calcolatrice però a parlare sarà il campo. Il tecnico Walter Colaiacomo presenta così il match: “Finalmente si torna in campo – ammette -. Vogliamo giocarci fino alla fine questa possibilità di accedere ai play off ma soprattutto c’è la volontà di dare continuità alle ultime prestazioni dove abbiamo davvero dimostrato tanto.

A prescindere da quello che sarà l’esito della classifica vogliamo continuare con questo trend di crescita perché, poule promozione o retrocessione che sia, ci saranno comunque ancora 10 partite da affrontare”. Prima dell’anno anche per l’Under 18 e l’Under 16. I ragazzi del tandem Brunacci-Ascierto, dopo la sconfitta di Ancona definita dal tecnico “la più brutta della stagione”, fanno visita al Pesaro “con l’obiettivo – spiega Alessandro Ascierto - quanto meno ritrovare la voglia di combattere”.

Per i ragazzi di Sancilles, Bussaglia e Bargnesi è previsto invece l’impegno esterno contro gli Sparvieri Foligno, una partita non semplice dove i ragazzi fanesi giocheranno per il loro compagno Mattia che in questi giorni si opera allo sterno in seguito ad un infortunio subito proprio nella gara d’andata.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-01-2018 alle 12:18 sul giornale del 12 gennaio 2018 - 223 letture

In questo articolo si parla di fano, sport, rugby, Fano Rugby

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQAo





logoEV