Mondolfo: Tari gonfiata, il vicesindaco, "Il comune è in regola"

16/11/2017 - L’Ufficio Tributi del Comune - ha precisato il Vice Sindaco e Assessore al Bilancio e Finanze Carlo Diotallevi - ha effettuato una verifica sul calcolo relativo alle pertinenze e possiamo confermare che la TARI è stata correttamente applicata: Mondolfo dunque non rientra tra i Comuni italiani chiamati a rimborsare parte della quota variabile sulle pertinenze proprio perché i nostri cittadini non hanno pagato maggiorazioni derivanti da errori.

La criticità a cui fanno riferimento gli organi di informazione riguarda la quota variabile della tassa. La TARI è composta da una quota fissa ed una quota variabile. La quota fissa è rapportata ai metri quadri dell’abitazione, la quota variabile, invece, si riferisce ai componenti della famiglia. Nei comuni in cui si è manifestato l’errore, la quota variabile è stata maggiorata tante volte quante sono le pertinenze dell’abitazione – ha concluso il Vice-Sindaco - mentre operando correttamente, andrebbe calcolata una sola volta sull’ insieme di casa e pertinenze immobiliari (box, soffitte, cantine, ecc.) sempre tenendo conto del numero dei familiari. In alcuni comuni, infatti, un errore di calcolo sulla quota variabile della tassa dei rifiuti ha portato i cittadini a pagare somme in alcuni casi fino al doppio del dovuto, Mondolfo invece è in regola”.

Gli uffici comunali restano comunque a disposizione per informazioni e verifiche facendo riferimento all’ Ufficio Tributi anche via mail al seguente indirizzo tributi@comune.mondolfo.pu.it.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2017 alle 12:50 sul giornale del 17 novembre 2017 - 733 letture

In questo articolo si parla di attualità, mondolfo, comune di mondolfo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOZm