Situazione imbarazzante delle strutture scolastiche: in particolare la scuola materna "Galizzi"

13/09/2017 - La stagione scolastica è ormai alle porte ed oggi come non mai, la sicurezza negli ambienti frequentati dai nostri bambini, giovani e ragazzi è un tema sempre più sentito. Sono Veramente vergognose le condizioni in cui versa la Scuola Materna Comunale "A. Gallizi"

A meno di una settimana dagli inizi delle lezioni, crepe nei muri, intonaci staccati, acqua che entra da porte e finestre sono il benvenuto che spetta ai nostri bimbi. E’ singolare che dopo innumerevoli sopralluoghi da parte dell’amministrazione comunale, dopo ingenti somme di denaro spese per la verifica post terremoto, non ci si sia accordi di uno stato così imbarazzante della struttura.

Asciugamani alle porte per evitare di essere inondati e vernice che si stacca dalle pareti, sono considerate dall’amministrazione un luogo sano ed igienico dove far passare ai nostri figli gran parte della giornata ? Perché mai l’ottimo operato del personale docente e non, Si deve sobbarcare ulteriormente di opere di “restauro”, spesso fatte pro bono e con mezzi di fortuna?

Rimane incerta la strategia politica dell’amministrazione Seri in tutto ciò. Non da meno sono altre realtà come l’istituto Commerciale. A meno di una settimana dall’inizio dell’anno scolastico, è avvolto da ponteggi per opere di ripristino. E’ normale arrivare al 10 settembre in questo stato? La scuola elementare Corridoni vedrà l’alba del nuovo anno scolastico, affianco ad un’opera incompiuta.

Assolutamente pericolosa per i ragazzi che si trovano “dentro” ad un cantiere con buche profonde metri e senza un’idonea recinzione. Domani, i gruppi consiliari di minoranza presenteranno un’interrogazione per chiedere il motivo di tale scempio e, cosa ben più importante, UNA DATA CERTA PER IL RIPRISTINO DELLE STRUTTURE.

Pare ovvio che, anche in questo caso, l’amministrazione Seri navighi a vista; non abbia la minima idea di cosa significhi pianificare gli interventi e tantomeno farlo nei tempi opportuni.

Non si vergognano Sindaco e maggioranza nel vantarsi del progetto “Fano città dei bambini e bambine” e poi far vivere i bimbi e bimbe fra le macerie ?


Da Stefano Mirisola (Forza Italia)

Luca Serfilippi (La Tua Fano)

Marianna Magrini e Gianluca Ilari (Progetto Fano)

Davide Delvecchio (UDC)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2017 alle 11:12 sul giornale del 14 settembre 2017 - 684 letture

In questo articolo si parla di attualità, forza italia, udc, la tua fano, davide delvecchio, Luca Serfilippi, gianluca ilari, Progetto Fano, stefano mirisola, marianna magrini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMYm