Vitruvio e l’abitare contemporaneo al centro dell’incontro nella Mediateca Montanari

2' di lettura Fano 01/02/2017 - Dopo 2 anni dalla proposta di Salvatore Settis un Ordine nazionale degli Architetti, quello di Reggio Emilia, adotta per i suoi iscritti il Giuramento di Vitruvio. Una iniziativa di straordinario e simbolico valore, come ribadito da Salvatore Settis in un recente articolo su Il Sole 24 Ore (29 gennaio).

Un percorso partito proprio dalla nostra città e promosso dal Centro Studi Vitruviani che si è realizzato all’interno di un rapporto di collaborazione di ricerca, su tematiche legate a Vitruvio e la contemporaneità, con il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara. Il Giuramento di Vitruvio e la collaborazione con l’Università di Ferrara su Vitruvio e l’abitare contemporaneo saranno al centro dell’incontro che si terrà sabato 04 febbraio 2017, alle ore 17.00 nella Sala Ipogea della Mediateca Montanari, a Fano, in piazza Amiani.

Incontro promosso e organizzato dal Centro Studi Vitruviani in collaborazione con il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara. Interverranno l’ Arch. Valentina Radi dell’Università di Ferrara che illustrerà un possibile percorso di ricerca all’interno del quale riscoprire come gli insegnamenti del De Architectura siano ancora vivi nella ricerca del progetto dell’architettura e nel senso dell’abitare contemporaneo e futuro. Seguirà l’intervento del prof. arch. Andrea Rinaldi, docente di Composizione dell’Università di Ferrara che interverrà su “IL MESTIERE DI ARCHITETTO”.

Una riflessione su come l’architetto oggi debba riappropriarsi della sua dimensione sociale di interlocutore privilegiato quando si tratta della qualità di vita delle persone, qualità della città e dell'ambiente e per farlo deve essere capace di adattarsi ai cambiamenti radicali in atto nella società contemporanea. Andrea Rinaldi, nel suo ruolo di Presidente dell’Ordine degli Architetti di Reggio Emilia, illustrerà e presenterà il Giuramento di Vitruvio, primo esito concreto della collaborazione tra Centro Studi e Università di Ferrara, già sottoscritto spontaneamente per la prima volta il 14 dicembre 2016 da 75 architetti iscritti all’ordine di Reggio Emilia e reso obbligatorio per tutti i futuri iscritti della stessa sezione. L’intento e anche quello di aprire l’interesse ad altri Ordini di architetti in Italia e a società scientifiche estere che si stanno muovendo in questa direzione.

L’iniziativa, coordinata dal prof. Paolo Clini, è patrocinata dal Comune di Fano-Mediateca Montanari e dall’Ordine degli Architetti PPC di Pesaro e Urbino. Saranno rilasciati n°2 crediti formativi professionali per gli architetti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2017 alle 15:57 sul giornale del 02 febbraio 2017 - 629 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, incontro pubblico, centro studi vitruviani, Vitruvio e l’abitare contemporaneo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aF2c