Mondolfo, Lucchetti al sindaco Barbieri: “Più rispetto per il consiglio comunale e per chi non ti ha votato”

3' di lettura Fano 26/11/2016 - Dopo gli interventi sulla stampa dei consiglieri Cinque stelle che richiamavano il sindaco al rispetto delle istituzioni, torna sull’argomento rincarando la dose il capogruppo della lista Unica, il consigliere Massimiliano Lucchetti.

Lucchetti rivendica con decisione il ruolo del Consiglio comunale, come organo di garanzia e tutela di tutti cittadini, compresi coloro che non hanno votato l'attuale maggioranza e che rappresentano il quasi il 60% dei votanti.

Lucchetti cita subito lo Statuto comunale, la legge fondamentale del Comune: “Il Consiglio Comunale è l'organo di indirizzo e di controllo politico amministrativo, si legge; bene, l'attuale maggioranza, ha approvato in Giunta delle proposte di modifica allo Statuto comunale che sono state pubblicate sul sito del comune per avere suggerimenti dai cittadini, in previsione della successiva approvazione da parte del Consiglio comunale.

Questa apertura da parte della Giunta però è solo di facciata, in quanto le modifiche allo Statuto comunale, non ancora nemmeno esaminate dal consiglio comunale, di fatto sono già operative. Quindi è come dire ai cittadini: “Voi suggerite quello che vi pare ma noi andiamo avanti per la nostra strada” e lo stesso apprezzamento vale per il Consiglio comunale, che è il primo organo istituzionale del Comune: “Noi abbiamo la maggioranza e quindi le modifiche che abbiamo già approvato in Giunta per noi sono definitive” senza che i consiglieri possano quasi replicare”.

Lucchetti puntualizza poi la situazione, con qualche esempio. “Andiamo nel dettaglio a descrivere questo atteggiamento di non considerazione delle prerogative degli organi rappresentativi del Comune, a dir poco deplorevole. Le modifiche che dovranno essere discusse dal Consiglio riguardano, tra l’altro, l'introduzione della figura del consigliere delegato. Di per se questa modifica è condivisibile, in quanto coinvolge i consiglieri esclusi dalla macchina amministrativa. Tuttavia questo non deve essere utilizzata per recuperare la scelta scellerata dell'esecutivo di escludere dalla Giunta una considerevole parte di territorio.

Difatti l'attuale esecutivo ha tagliato fuori dalla Giunta validi consiglieri di Mondolfo come Elena Mattioli e Enrico Sora che meritavano molto di più, visto anche il risultato elettorale. Ed invece si dovranno accontentare di un ruolo secondario, tra l'altro già di fatto ricoperto oggi senza che la legge fondamentale del nostro Comune lo contempli”. Ma c’è di più, ed il consigliere Lucchetti cita il caso della Consulta del turismo, anche questa oggetto di modifica dello Statuto comunale.

“La maggioranza ha già convocato la consulta del turismo avendo prima stabilito i criteri per comporre la stessa. Ma allora il consiglio comunale, che rappresenta tutta la cittadinanza, che valore ha per questa maggioranza? Serve solamente a ratificare quello che con arroganza pianificano? Ed il potere regolamentare – in base al quale stabilire competenza e composizione della Consulta - in capo a quale organo risiede?”.

Lucchetti si rivolge dunque al Presidente del Consiglio comunale, Filomena Tiritiello: “Dovrebbe avere un ruolo super partes: ha intenzione di assecondare la maggioranza e si piegherà anch'essa alla volontà del più forte? Ora l'attuale maggioranza ha più volte sbandierato in campagna elettorale la sua apertura al dialogo, ma lo scarso rispetto per il Consiglio comunale – il primo luogo del confronto istituzionale - e per i consiglieri – eletti dai cittadini - che ne fanno parte, dimostrano l'esatto contrario: una maggioranza chiusa su stessa, autoreferenziale e attenta solamente a salvaguardare la sua immagine” chiude Lucchetti.


da Massimiliano Lucchetti

capogruppo Lista Unica





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2016 alle 17:04 sul giornale del 27 novembre 2016 - 1793 letture

In questo articolo si parla di mondolfo, politica, marotta, massimiliano lucchetti, lista unica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDW4