Pollegioni (FdI-An): "Seri non ha scelta, aderisca al fronte del No oppure si dimetta"

Stefano Pollegioni Fano 21/11/2016 - Ieri in tema di sanità si è purtroppo svolta l’ennesima farsa del PD e del suo burattinaio ossia il Presidente della Regione Ceriscioli.

Il triste spettacolo sanitario che Fratelli d'Italia denunciava da mesi ha avuto il suo epilogo ieri: il Partito Democratico ha messo l'ipoteca sul sito di Muraglia decretando la morte del Santa Croce e della sanitá pubblica. I sin troppo eloquenti silenzi del Sindaco Matteo Ricci rivelavano che la scelta era già da tempo predestinata sul sito pesarese visto che il delfino pesarese di Renzi, oltre che a rappresentare il PD nazionale nei talk show televisivi ha chiaramente in tasca anche il PD regionale e provinciale così come emerso dalla riunione dei Sindaci di area vasta di Pesaro Urbino.

A quei sindaci succubi del PD e corresponsabili della morte del modello sanitario policentrico e di prossimità ricordiamo che i cittadini gli chiederanno presto il conto ma sarà troppo tardi di fronte allo smantellamento della sanità pubblica.

Non possiamo credere che Seri fosse così allocco da non sapere che la decisione fosse già presa e che l'algoritmo era solo una becero stratagemma politico per scegliere Muraglia e salvare la faccia del Sindaco di Fano.

Come faceva Seri a votare in consiglio comunale a Fano le mozioni a favore dell'Ospedale unico a Chiaruccia quando anche il gatto sapeva che il PD non lo avrebbe mai fatto a Fano? L'unica vera arma per salvare la sanità fanese era quella di dire no all'ospedale unico e di aderire al gruppo dei sindaci che chiedevano un modello policentrico che avrebbe salvato e potenziato il Santa Croce. Invece il Sindaco Seri si é ostinato a perorare la causa dell'Ospedale unico a Fano con una incredibile doppia sconfitta che credeteci era scontata visto che sono mesi che lo scriviamo: non solo l'ospedale unico non si farà a Fano ma ora chiuderanno anche il Santa Croce! E bravo Seri al posto di prendere due piccioni con una fava ti hanno preso pure il nostro ospedale. Occorrerebbe un nuovo algoritmo per capire tanta genialità perché credeteci noi non riusciamo a capire cosa abbia spinto Seri ad una strategia tanto suicida che si sapeva da mesi! O forse non vogliamo credere che pur di governare Seri abbia venduto la sanitá fanese al trio Ceriscioli Ricci Minardi che come le tre scimmiette non vedono non sentono e non parlano salvo poi vedere distrutta la sanità fanese in favore di quella pesarese.

Seri sa che esiste un fronte di Sindaci che vuole difendere la sanità pubblica di tutta la Provincia e che non vuol chinare la testa di fronte ai diktat del Partito Democratico pesarese e regionale. Un gruppo di sindaci che, insieme al Sindaco di Pergola Francesco Baldelli, dicono NO all’ospedale unico e SI ad una sanità territoriale che non smantelli le strutture esistenti ma le potenzi; un gruppo di Sindaci che mette gli interessi sanitari dei propri cittadini prima degli ordini del Partito Democratico; un gruppo di sindaci favorevoli, se ci fossero i soldi, a potenziare una struttura esistente per arricchirla di eccellenze ma senza smantellare gli altri nosocomi ma rafforzando la loro integrazione come avviene in altre Regioni !

A questo punto Seri ha due possibilità: aderire senza indugio al gruppo dei Sindaci coraggiosi che difendono il modello policentrico di sanità pubblica oppure mostrare in maniera chiara definitiva ed inequivocabile che al posto degli interessi dei cittadini fanesi prevalgono gli ordini del PD pesarese. L'unico modo per fermare la distruzione della sanità pubblica fanese da parte del PD e mandare all’aria il progetto dell’ospedale unico e sostenere il modello sanitario policentrico unica garanzia per la salute dei fanesi oppure abbia il coraggio di DIMETTERSI o passerà nella storia come il Sindaco fanese che ha fatto chiudere per sempre l’ospedale Santa Croce.

Come tutti sanno l’unione fa la forza e se il Sindaco di Fano aderisse al “fronte del no” con gli altri sindaci altri lo seguirebbero ed il PD assieme a Ceriscioli sarebbe costretto a rivedere lo sciagurato progetto di ospedale unico che altro non é che la morte del Santa Croce per alimentare la sanità di Pesaro. Morte tua vita mia dicevano i latino quindi morte del Santa Croce equivale a vita per Muraglia, non lo hai capito ancora Seri?


da Stefano Pollegioni
Coordinatore Direttivo  FDI/AN - Segreteria Fano

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-11-2016 alle 18:17 sul giornale del 22 novembre 2016 - 333 letture

In questo articolo si parla di sanità, fano, politica, ospedale unico, Stefano Pollegioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDKD





logoEV
logoEV