Progetto Fano e Udc: "L'area ex Agip di viale Gramsci tra abbandono e ipocrisie"

Alberto Santorelli 2' di lettura Fano 15/11/2016 - Da più di un anno l'area Ex Agip di viale Gramsci si trova all'abbandono, dismessa e bonificata in maniera precaria, chiusa da una recinzione con un triste telo bianco e senza alcuna idea per renderla riqualificata in tempi brevissimi.

I giorni scorsi abbiamo sentito le prese di posizione di coloro che rappresentano l'ambientalismo estremo, che produce solitamente solo danni, pronunciarsi per una importante area verde, proprio come una volta. Con la differenza che quella zona non è più come una volta, dato il traffico di oggi e per il fatto che è diventata una arteria della circolazione cittadina molto importante e delicata.
Crediamo sia opportuno un intervento con una fascia verde di rispetto nella parte confinante con la scuola ma con decine di parcheggi (almeno 30) necessari a servire la clientela del commercio di viale Gramsci, di Via Cavour e di via Montegrappa, zone che altrimenti rischierebbero la desertificazione commerciale, date le tante chiusure che stanno già subendo. Inoltre i parcheggi servirebbero anche alla stessa scuola che durante gli orari di ingresso e uscita soffre di congestione di traffico, spesse volte pericolosa, soprattutto dalla parte di Via Montegrappa.
Non si può ragionare di rendere un'area come quella dell'ex Agip interamente verde e a parco in mezzo alla Statale Adriatica sotto un continuo traffico cittadino, si tratterebbe dell'ennesima ipocrisia di volersi dimostrare ambientalisti a tutti i costi. Del resto tutti i promotori del verde e dei parchi a Fano non si sono mai visti neppure un minuto nei vari parchi della città aiutando nella gestione, i passeggi sono un esempio emblematico del parlare bene e razzolare male.
Chiediamo con una mozione in consiglio comunale un intervento urgente, date le tante risorse che sono state lasciate a questa amministrazione come sblocco del patto di stabilità, con la soluzione dei parcheggi e della fascia verde vicino alla scuola, ricordando che non si può accettare che l'area in questione, alle porte della città e del centro storico, sia lasciata cosi per altro tempo preso atto anche che la stessa area insiste sullo svolgimento del carnevale di Fano e se resterà chiusa potrà solo aumentare i rischi legati alla sicurezza data la strettoia che si verrebbe a creare.

da Davide Del Vecchio (Udc)
Alberto Santorelli (Progetto Fano)
Marianna Magrini (Progetto Fano)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2016 alle 10:56 sul giornale del 16 novembre 2016 - 1495 letture

In questo articolo si parla di fano, udc, politica, Alberto Santorelli, davide delvecchio, Progetto Fano, marianna magrini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDta


Giorgio Pana

15 novembre, 13:14
Ancora parcheggi? No, non ci credo!