3000 ab Urbe condita: il futuro del fantasy non sarà mai più lo stesso

1' di lettura Fano 04/03/2016 - Il 21 aprile 2247 Roma si accinge a festeggiare i tre millenni di vita. A rovinare la festa compare all'orizzonte uno stormo di draghi accompagnati da maghi, elfi e minotauri assetati di sangue. Perché? Non c'è tempo per le domande bisogna pensare a salvare la vita e organizzare una difesa. Impresa resa possibile dalle armi avveniristiche a disposizione.

Il libro "3000 ab Urbe condita" contiene 8 racconti di altrettanti autori. Ognuni autore ha scritto un racconto indipendente, ma la storia è unica, i personaggi passano da un racconto all'altro, i nodi vengono al pettine e un nuovo status quo lentamente prende forma.

Un esperimento narrativo tutto da leggere, tanto più che il libro è gratuto e scaricabile liberamente in tutte le librerie online o su http://www.wizardsandblackholes.it/download-ebook/
Sono 5 i disegnatori che hanno deciso di dare il proprio contributo al progetto realizzando altrettante copertine. Il lettore potrà scegliere la sua preferita prima di scaricare il libro.

3000 ab Urbe condita è disponibile anche per chi preferisce i libri di carta su Lulu.

È così che la Wizards & Blackholes intende festeggiare i 50 ebook pubblicati e i suoi primi due anni di vita.
Il libro porta la firma di Chiara Zanini, Teresa Regna, Stefano Procopio, Salvatore di Sante, Laura Cazzari, Matteo Fraccaro, Michele Pinto e Laura Silvestri, otto scrittori che hanno già dato ottima prova di se nei più apprezzati ebook della W&B.








Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 04-03-2016 alle 01:12 sul giornale del 06 marzo 2016 - 4421 letture

In questo articolo si parla di libri, cultura, letteratura, pubbliredazionale, fantasy, fantascienza, Wizards and Blackholes

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aurs

Leggi gli altri articoli della rubrica libri & cultura


Massimo La Perna

07 aprile, 16:48
Non c'è bisogno di scomodare mostri per essere allarmati su quello che può succedere nel mondo di qui a qualche decennio, e non solo a Roma e dintornii: in uno degli ultimi numeri del mensile gratuito "Il giornale del METAURO", edito in provincia di Pesaro Urbino, l'Università di Urbino ha comunicato che una ricerca internazionale cui essa stessa ha partecipato, ha constatato che l'effettiva riserva di ghiacci del continente Antartide è sufficiente, in caso di fusione, a far innalzare i livelli di tutti i mari, non di m 10, ma di 60.