San Lorenzo in Campo: picchia la moglie davanti al figlioletto, arrestato

Carabinieri 2' di lettura 04/03/2016 - L.P., boscaiolo 47enne residente nel comune della Valcesano, ha pestato per due ore la consorte di fronte al figlio di pochi anni. La donna, con le forze rimaste, è riuscita a contattare i Carabinieri che hanno così arrestato il marito violento. Per lei dieci giorni di prognosi.

Telefona al 112 per chiedere disperatamente aiuto: singhiozza e piange. Riesce a dire con difficoltà il suo nome e dove si trova. I militari di San Lorenzo in Campo ricevono questa chiamata alle 22.30 e nell'arco di pochi minuti sono davanti alla casa della violenza domestica. Quella che si presenta ai loro occhi è una "scena apocalittica", come riportano gli stessi agenti: il tavolo rovesciato, seggiole rotte, piatti in frantumi, vetri in terra, quadri gettati nel fuoco.

Ad accoglierli una giovane col volto tumefatto, un’ecchimosi all’occhio destro, ferite sulle mani, sul gambe e sul torace. Non è la prima volta che il compagno, un boscaiolo di 12 anni più grande di lei, la tratta in questo modo.

Quando beve troppo l’aggredisce per futili motivi picchiandola violentemente. Lei non ha mai denunciato per paura di una reazione ancora più violenta. Solo una volta era andata all’ospedale ma aveva raccontato di essere caduta dalle scale.

Le violenze avvengono sempre in presenza del loro bambino di pochi anni. Anzi, erano cominciate fin da quando la donna era incinta. Lei, tuttavia, non aveva voluto credere alle voci che dipingevano il compagno come un violento e che la violenza fosse stata la causa del fallimento del precedente matrimonio.

Mentre i carabinieri ascoltano la donna, il marito torna con il figlio in braccio: sebbene poco lucido a causa dell' alcool, cerca di negare ogni evidenza. Curata al pronto soccorso - dieci giorni di prognosi per lei - denuncia formalmente il boscaiolo partendo dal pestaggio della stessa sera, durato circa due ore, e ripercorrendo a ritroso ogni violenza subita.

L’uomo, L. P., 47enne del posto, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Il giorno successivo il giudice del tribunale di Pesaro ha convalidato l’arresto negando la dimora nel comune di San Lorenzo in attesa del processo.






Questo è un articolo pubblicato il 04-03-2016 alle 18:28 sul giornale del 05 marzo 2016 - 1216 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, Francesco Gambini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/autp





logoEV