Marotta: danneggia 14 automobili, nei guai una cinese

1' di lettura Fano 22/01/2016 - Il "danneggiatore seriale" - così lo hanno chiamato sui social network gli abitanti della località costiera - ha finalmente un'identità: si tratta di una donna cinese di 54 anni, denunciata dai carabinieri di Marotta per i fatti delle ultime settimane.

Tutto inizia l'undici gennaio scorso, quando due signore trovano le rispettive autovetture vistosamente graffiate con un oggetto appuntito. Purtroppo gli atti vandalici non si fermano qui e su Facebook nasce un gruppo soprannominato "Le gesta del danneggiatore seriale". Contemporaneamente fioccano le querele da parte dei cittadini. “Pesaro”, “albanesi”, “marocchini”, “italiani”, “senegalesi”, “XXY” e altre parole incomprensibili sono incise sulle carrozzerie.

Dopo dieci giorni di indagini, all'alba di mercoledì 20 gennaio i militari scorgono una figura che si allontana furtiva da un mezzo preso di mira con alcune pietre. E qui scoprono l'insospettabile: responsabile dei gesti è una donna cinese di 54 anni, C.L., che, senza apparente motivo, si avventa sulla proprietà altrui.

Secondo i carabinieri, la donna avrebbe agito a causa di un disagio sociale di cui soffre da diverso tempo tanto che al momento delle contestazioni si chiude in assoluto silenzio. Nelle ore successive, inoltre, si macchia del reato di "interruzione di pubblico servizio" poiché, senza alcuna giustificazione, telefona ripetutamente alla caserma, impedendo così ad altri cittadini di mettersi in contatto con le autorità.

C.L. è stata denunciata e segnalata ai servizi sociali di Mondolfo. In ultimo, scrivono i Carabinieri, "è stata proposta per l’allontanamento dal territorio dello Stato Italiano".






Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2016 alle 15:27 sul giornale del 23 gennaio 2016 - 470 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, marotta, articolo, Francesco Gambini, danneggiatore seriale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asNM