Luzi (Sinistra Unita): "L'ospedale deve rappresentare tutto il territorio, non una città in particolare"

Carla Luzi, Consigliere Comunale di Sinistra Unita Fano 22/01/2016 - Premesso che entrare a gamba tesa è un fallo da punire o con l'ammonizione o con l'espulsione o con il calcio di rigore e che è l'arbitro che dà la giusta sanzione, in merito alle dichiarazioni del Sindaco di Pesaro Matteo Ricci del 19 gennaio penso che il ruolo di arbitro imparziale spetti al presidente Luca Ceriscioli che deve ricordarsi che è presidente di una intera regione.

Dopo la premessa veniamo ai fatti. Il giorno dopo il Consiglio Comunale di Fano monotematico sulla sanità, con la presenza anche del Presidente della Regione Ceriscioli e della dirigenza e di gran parte del personale della Sanità, Matteo Ricci sindaco di Pesaro convoca una conferenza stampa per parlare di ospedale, fa una sua "personalissima" sintesi e tira le sue "personalissime" conclusioni non facendo riferimento all'ampio dibattito del giorno prima.
Premesso tutto ciò, sinistra Unita si impegna:
- a ricordare al Presidente della Regione Marche di sanzionare il giocatore falloso e il calcio di rigore sembra la sanzione più giusta
- a ricordare al Sindaco di Pesaro che il nuovo ospedale deve essere un ospedale territoriale e che la sua ubicazione riguarda tutti i sindaci di Area Vasta e non soltanto i cittadini che lui rappresenta
- a difendere la sanità pubblica e di qualità
- ad attivarsi perché siano garantiti i servizi fondamentali al Santa Croce, come chirurgia d'emergenza h.24, e ad insistere perché si investa sulla vocazione medica e materno-infantile del nosocomio fanese
- a ribadire che Chiaruccia è un luogo idoneo, facilmente accessibile, non sottoposto a nessun tipo di vincolo, un'area pubblica e gratuita per la collettività (quindi non possono esserci sospetti di interessi di nessun tipo) e, elemento non trascurabile, non instabile dal punto di vista geologico.
Sinistra Unita ricorda al Sindaco Ricci che, con il diminuire del reddito, la rinuncia alle cure sale al 14,6% per l'impossibilità per molti anche di pagare il ticket, e che i continui tagli alla Sanità Pubblica sono in correlazione con la rinuncia alle cure; inoltre che la soluzione ai problemi della sanità non può essere la sanità privata anche se convenzionata, e che comunque la questione avrebbe dovuto essere messa in campo in un confronto con tutti i sindaci di area vasta fin dal primo momento.
Sinistra Unita non ha timore di tirare il calcio di rigore perché "non è da questi particolari che si giudica un giocatore, un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia" (F.De Gregori).
Almeno una di queste qualità non ci è pervenuta dal sindaco di Pesaro. E non è una questione di campanilismo.


da Carla Luzi
Consigliera Comunale di Sinistra Unita





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-01-2016 alle 12:26 sul giornale del 22 gennaio 2016 - 282 letture

In questo articolo si parla di consiglio comunale, fano, politica, sinistra unita, Carla Luzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asMV





logoEV