Mondavio: in biblioteca si parla dei disturbi dell'apprendimento

1' di lettura 19/01/2016 - Giovedì 21 gennaio alle ore 21.00 la Biblioteca Comunale di Mondavio - Centro di aggregazione “Prof. Sebastiano Dominici”, in località San Michele al Fiume, ospiterà un incontro pubblico sul tema delle difficoltà e dei disturbi dell'apprendimento a cura della psicologa Elena Vichi della Cooperativa Sociale Casa della Gioventù in collaborazione con Pegaso Psicologia.

A scuola infatti si parla sempre più spesso di bambini con Disturbi Specifici di Apprendimento, meglio conosciuti come DSA, si tratta di disturbi nell'apprendimento che interessano alcune abilità specifiche che devono essere acquisite da bambini e ragazzi in età scolare e che interessano nella maggior parte dei casi le attività di lettura, scrittura e calcolo. L'incontro, a cura della psicologa Elena Vichi, vuole tracciare un quadro della situazione per illustrare quali sono i disturbi dell'apprendimento più diffusi al fine di imparare a conoscerli e riconoscerli, per accompagnare nel miglior modo possibile i bambini durante tutto il percorso scolastico. Tali disturbi, se non vengono aiutati nella maniera corretta, possono rendere molto difficile la vita a scuola. L'incontro è aperto a tutti, insegnanti, educatori, genitori, professionisti del settore e chiunque sia interessato ad approfondire tali tematiche. Vi aspettiamo!

Info: Biblioteca Comunale di Mondavio Centro di aggregazione “Prof. Sebastiano Dominici” Via XXIV Maggio n. 10/12 - San Michele al Fiume Tel. 0721.979820 e-mail: biblioteche.cometa@gmail.com www.sistemabibliotecariocometa.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-01-2016 alle 10:49 sul giornale del 20 gennaio 2016 - 427 letture

In questo articolo si parla di cultura, Sistema Bibliotecario Cometa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asF7


lucia 1974

20 gennaio, 22:10
Ma che disturbi dell'apprendimento! Oggi stanno viziando troppo questi figli! Hai miei tempi se la maestra o il prof. facevano un richiamo, i genitori davano tutto il supporto al prof. e mettevano in riga il figlio! oggi invece se succede una cosa del genere sono i genitori che danno torto ai prof. o poi vedo venur su questi ragazzi sempre piu maleducati e viziati! altro che disturbi dell'apprendimento! I genitori devono essere più di polso se non vogliamo una società di mollaccioni, ragazzi che vogliono tutto subito e magari danno contro anche ai genitori! Più disciplina e facciamo lavorare i maestri e prof. come succedeva una volta!